21 Ottobre 2015

I bambini vanno a scuola nei Parchi del Ducato

I bambini vanno a scuola nei Parchi del Ducato

I protagonisti saranno i Parchi Regionali dei Cento Laghi, Boschi di Carrega, Taro, Stirone Piacenziano e Trebbia, le Riserve Ghirardi, Monte Prinzera, Torrile  Trecasali e Parma Morta e il Parco provinciale del Monte Fuso


Sono davvero tante le proposte per le scuole di ogni ordine e grado contenute nel cartellone “A scuola nei Parchi del Ducato”  presentato stamattina al Parma Point da Gianpaolo Cantoni Delegato provinciale ai Parchi, Agostino Maggiali Presidente dei Parchi del Ducato, Sonia Anelli Responsabile del Centro di Educazione alla Sostenibilità dei Parchi.

Tra i temi proposti: biodiversità, conservazione della flora e della fauna, ecologia del fiume e del bosco, storia ed evoluzione dell’agricoltura, cultura e tradizioni locali e loro testimonianze. Per orientare i docenti nella scelta dei pacchetti didattici per arricchire la programmazione scolastica è stato attivato anche quest’anno l’apposito sportello informativo.

I protagonisti sono cinque Parchi Regionali (Cento Laghi, Boschi di Carrega, Taro, Stirone Piacenziano e Trebbia), quattro Riserve (Ghirardi, Monte Prinzera, Torrile  Trecasali e Parma Morta) e un Parco provinciale (Monte Fuso) nelle Province di Parma e Piacenza, che saranno sede di laboratori educativi, esperienze, paesaggi emozionali  e percorsi di scoperta e conoscenza per bambini e ragazzi; non mancano le uscite sul campo dall’’Appennino al Grande Fiume.

“I Parchi oggi devono essere considerati un’opportunità per la promozione di iniziative turistiche e produttive sostenibili, con una visione di futuro attenta e sensibile alla tutela dell’ambiente, ma anche un grande veicolo di conoscenze per grandi e piccini” afferma Gianpaolo Cantoni Delegato provinciale ai Parchi.

“Scommettiamo sulle nuove generazioni per veicolare messaggi di rispetto per la natura e per ricomporre la relazione fra persone e ambiente. Il contatto diretto con le nostre aree protette crea suggestioni e favorisce il legame fra studenti e territorio. I ragazzi, poi, sono uno straordinario strumento di stimolo e riflessione anche per le famiglie e dunque per tutta la comunità.” spiega Agostino Maggiali, Presidente dei Parchi del Ducato.

E i dati sulle presenze negli ultimi tre anni confermano una tendenza in crescita: lo scorso anno scolastico sono stati oltre 17 mila gli alunni coinvolti nelle attività di Parchi e Riserve, prevalentemente dei Comuni del territorio. Per alcune aree protette è stato un vero e proprio boom, come il Parco del Taro, i Cento Laghi e Stirone Piacenziano. Materne ed elementari gli ordini di scuole più rappresentate.

Particolare attenzione nella progettazione è stata dedicata alle metodologie didattiche.

“Per i più piccoli sono stati privilegiati il gioco, la fiaba e le esperienze senso percettive, spiega Sonia Anelli, Responsabile del Centro di Educazione alla Sostenibilità dei Parchi – Per elementari e secondarie inferiori puntiamo su laboratori ed esperimenti, mentre per le scuole superiori la progettazione è specifica e condivisa con i docenti. Gli interventi educativi programmati sono il risultato di un percorso partecipato dal personale e dagli esperti incaricati dall’Ente di Gestione”.

In questi tempi di crisi, i Parchi del Ducato propongono azioni didattiche a costi contenuti e, per le scuole dei Comuni di parchi e riserve, anche Progetti prioritari gratuiti e Progetti speciali a costi ridotti, ad esaurimento del budget.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *