5 Gennaio 2017

Guido Picelli, un omaggio nell’ottantesimo anniversario della morte

Guido Picelli, un omaggio nell’ottantesimo anniversario della morte

Ricordata la figura di antifascista impegnato nelle barricate del 1922 a Parma. “Ha dedicato la propria vita agli ideali di libertà e di giustizia”


Solenne cerimonia di commemorazione di Guido Picelli, nell’ottantesimo anniversario della morte, questa mattina, nella piazza a lui dedicata. Il suo anelito verso la libertà, la sua figura di antifascista impegnato nelle barricate del 1922 a Parma, deputato per il partito socialista italiano prima e per il partito comunista poi, agli inizi degli anni Venti del Novecento, Guido Picelli combattente e volontario nella guerra civile spagnola nel 1937, dove trovò la morte, sono stati ricordati questa mattina proprio davanti al monumento dell’Oltretorrente nell’omonima piazza.

L’iniziativa rientra nella due giorni in memoria di Guido Picelli che ha preso avvio ieri e che è culminati oggi con la posa di due corone una al monumento a Guido Picelli e l’altra alla lapide che lo ricorda all’angolo tra la piazza e borgo Cocconi. Il momento commemorativo è stato promosso, come ha ricordato Paolo Bertoletti segretario Spi Cgil, dall’Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna, Anpi provinciale Parma, Anppia, Centro Studi Movimenti Parma, Cgil Parma, con il patrocinio di Comune di Parma, Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna, Camera de Deputati e Iren. Ed ha visto la presenza delle delegazioni di Barcellona, Guadalajara, Madrid e Mirabueno con le associazioni antifasciste e tanti sostenitori e simpatizzanti che condividono gli ideali di libertà, di giustizia e fratellanza di Guido Picelli.

La commemorazione ha preso avvio con il ricordo del sindaco, Federico Pizzarotti, che ha invitato i presenti a farsi portatori degli ideali di Picelli nella vita quotidiana per dire no alle barriere, alle discriminazioni, ai muri ed alle ingiustizie: spettri che riemergono nell’Europa contemporanea.

L’onorevole Patrizia Maestri ha parlato a nome della presidente della camera dei deputati, onorevole Boldrini, ed ha ricordato Guido Picelli deputato e combattente, i suoi valori forti alla base delle radici di una città libera e antifascista come Parma. Il senatore Giorgio Pagliari ha rimarcato l’impegno di Picelli che ha “dedicato la propria vita agli ideali di libertà e di giustizia”. La consigliera regionale Barbara Lori ha posto l’accento sul valore sempre attuale dell’esperienza di Guido Picelli.

Il vice presidente del consiglio comunale di Parma, Ettore Manno, ha detto: “ricordiamo Picelli nelle strade dove lo stesso Picelli faceva politica. Ricordiamo un uomo che ha combattuto per i suoi ideali, come ha fatto in Spagna dove è morto per difenderli”. Aldo Montermini, presidente Anpi Provinciale, ha fatto un accorato ricordo di Picelli: “una persona valente e coraggiosa”. Per le delegazioni spagnole sono intervenuti: Pedro Garcia Bilbao, Carlos Vallejo. A cui si è aggiunto l’intervento di Carlo Ghezzi dirigente nazionale Ggil.

La città di Parma ha reso omaggio a Guido Picelli con una due giornate, il 4 ed il 5 gennaio, dal titolo. “Sulle barricate della libertà, 1937 – 2017” che ha visto la delegazione spagnola in municipio ieri nel pomeriggio e il seminario di ieri sera alla casa della musica: “Barricaderos Antifascisti parmigiani alla guerra di Spagna” a cura del Centro studi movimenti. In borgo del Naviglio, in piazzetta de L’avèrta, si è poi svolta “La città dei sovversivi”, visita guidata ai luoghi dell’antifascismo popolare, a cura del Centro Studi e Movimenti.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *