22 Gennaio 2019

Gioco d’azzardo. L’assessore Corsini: “Nessun passo indietro.”

Da / 8 mesi fa / Salute / Nessun commento
Gioco d’azzardo. L’assessore Corsini: “Nessun passo indietro.”

Per Corsini la chiusura di sale slot e videolottery nel raggio di 500 metri da luoghi sensibili, come scuole e ospedali, è certa e inesorabile


L’assessore regionale al Commercio, Andrea Corsini, commenta alcune fonti di stampa secondo le quali la Giunta regionale starebbe applicando un atteggiamento più flessibile e più tollerante verso le sale slot.

La risposta: “Da parte della Regione, non c’è nessun ammorbidimento nella lotta al gioco d’azzardo. È inutile cercare di trovare, nella nostra strategia contro le ludopatie, tentennamenti o ammiccamenti: non ce ne sono e non ce ne saranno. La chiusura, imposta dalla legge, di sale slot e videolottery nel raggio di 500 metri da luoghi sensibili, come scuole e ospedali, è certa e inesorabile”.

“La delibera che abbiamo approvato ieri in Giunta- spiega l’assessore- ha il solo scopo di chiarire alcuni punti della norma che rischiavano di generare problemi e confusione. In particolare, abbiamo agito su due fronti: il primo riguarda la proroga alle delocalizzazioni e il secondo la mappatura dei luoghi sensibili da parte dei Comuni. Nel primo caso abbiamo dato ai Comuni stessi la possibilità di prorogare per massimo sei mesi e valutando caso per caso, la delocalizzazione, ovvero lo spostamento delle attività da chiudere, in una zona libera da strutture sensibili. Ma spostamento o chiusura non sono negoziabili. Nel secondo caso si tratta di buon senso normativo. Se la sala si sposta in un’area non sensibile- continua Corsini- e la situazione dopo poco cambia, è ovvio che la struttura dovrà spostarsi perché incompatibile con la legge, ma è altrettanto ovvio che dovrà avere il tempo per delocalizzare di nuovo.”

Per chiudere, l’assessore ribadisce l’impegno della Regione Emilia Romagna nella lotta contro il gioco d’azzardo e l’attività svolta nel contrastare questo problema su tutti i fronti: sono stati raddoppiati gli incentivi agli esercizi commerciali che aderiscono al marchio ‘Slot free ER’ e investiti oltre 7, 4 milioni di euro per la cura e la prevenzione delle dipendenze.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *