30 Marzo 2017

Ghiretti si scaglia contro la gestione del verde pubblico

Da / 2 anni fa / Città / Nessun commento
Ghiretti si scaglia contro la gestione del verde pubblico

“L’Amministrazione Pizzarotti è nemica del verde cittadino, sono anni ormai che continua a dimostrarlo. E’ il momento di dire basta”


Il candidato sindaco per Parma Unita, attraverso un comunicato stampa, esprime il suo pensiero sulla gestione del verde pubblico tenuta negli ultimi anni dall’Amministrazione Comunale. Qui di seguito riportiamo le sue parole diffuse attraverso il suo ufficio stampa:

“Tra le aspettative assolutamente disattese da questa amministrazione ve ne è una macroscopica relativa all’attenzione per il verde pubblico e l’ambiente in generale. Nessuno si sarebbe aspettato nel 2012 che l’amministrazione Pizzarotti si sarebbe caratterizzata nei 5 anni a venire come “nemica del verde”, eppure questo è successo e oggi è sotto gli occhi di tutti.

La prima avvisaglia c’è stata a gennaio 2014 quando si deciso un radicale ed eccessivo “restylng”, come fu definito allora, della Cittadella: decine e decine di alberi abbattuti insieme alla promessa di riaprire l’ex Ostello. Sono passati tre anni e ad oggi la struttura non è ancora fruibile, in compenso le piante sono scomparse subito.

A ottobre 2015 arrivarono poi le infauste dichiarazioni del Sindaco sui “troppi parchi” cittadini. La frase era inserita in un discorso volto a giustificare il degrado e la mancanza di manutenzioni degli stessi e svelava bene quale fosse il pensiero di questa amministrazione. Del resto il tema delle manutenzioni e potature è stato costellato di segnalazioni da parte dei cittadini residenti praticamente in ogni zona della città. Penso ad esempio a via La Spezia, via San Leonardo, via Costituente, tutti casi sui quali nel tempo ho presentato circostanziate interrogazioni.

Le soluzioni? Emblematico il caso dei 160 cachi che Pizzarotti e Folli volevano tagliare a causa dei frutti che sporcano e rendono scivolosi i marciapiedi, una proposta che solo una serie di comitati e singoli cittadini ha potuto vanificare mettendosi in gioco in prima persona.

Ma se qualcuno volesse valutare fino in fondo il coefficiente “verde” di questa amministrazione non dovrebbe far altro che andarsi a leggere le cronache recenti con l’abbattimento di 42 pioppi adulti al centro Cavagnari. Vero è che saranno sostituiti con 248 nuove piantumazioni ma sono certo che chi votò Pizzarotti nel 2012 tutto si sarebbe aspettato tranne che questa sarebbe diventata in breve tempo una Giunta particolarmente insensibile sul tema del verde. Per non parlare dell’ambiente in generale e della qualità della aria, veri talloni d’Achille di un modo di amministrare la città che ha lasciato irrisolte e aggravate tutte le questioni sul tavolo a vantaggio di qualche intervento spot, qualche mancata verità e molto Facebook”.

 

 

“Abbattimento di 42 pioppi al Cavagnari figlio di una povertà culturale”

“È così che si favorisce la mobilità sostenibile? È così che si contrastano gli sforamenti di pm10?”

0 comments

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *