16 Dicembre 2016

Gara rifiuti, Parma per una società locale solo per la raccolta

Gara rifiuti, Parma per una società locale solo per la raccolta

Decisione del consiglio locale Atersir, (tutti sindaci dei Comuni della provincia). Attenzione alle clausole sociali e mantenimento occupazione, ma intensificare i controlli


Si è riunito mercoledì scorso il consiglio locale di Atersir (l’organo che che comprende tutti i comuni della Provincia di Parma) per dare il via libera alle procedure di gara sulla gestione rifiuti dell’ambito provinciale.

Nella sala consiliare del Comune di Parma è stata votata a larga maggioranza la delibera di indirizzo in cui i sindaci hanno definito gli elementi strategici che andranno a caratterizzare il bando di gara, frutto di una discussione politica che si è sviluppata nel corso di due anni con diversi incontri in consiglio locale e riunioni tecniche dell’ufficio di presidenza. Grande attenzione da parte di tutti al mantenimento dei livelli occupazionali ed alle clausole sociali, con una forza lavoro che ha permesso in questi anni di ottenere risultati di eccellenza a livello nazionale e con un sistema che ha contemporaneamente garantito un percorso di recupero per tanti soggetti disagiati.

Altro punto qualificante della delibera quello che richiede ai partecipanti la costituzione di una specifica società di scopo territoriale per la gestione del servizio nel bacino di affidamento al fine di agevolare i controlli e avere un rapporto diretto con gli enti locali gestiti dal servizio Il nuovo gestore dovrà inoltre realizzare un sistema di controllo dei servizi erogati che permetta ai comuni e ad Atersir di verificarne in tempo reale la Qualità dell’esecuzione, grazie ad un pannello di controllo che geolocalizzerà tutti i mezzi addetti alla raccolta ed allo spazzamento, consentendo in questo modo di dare rapide risposte ai cittadini che lamentano disservizi.

Di grande rilevanza dovranno anche essere i criteri che premiano la qualità della raccolta differenziata e gli efficientamenti che si potranno fare negli anni del servizio con ricadute positive per tutta la collettività.

Ora manca solo un ultimo passaggio in Consiglio d’Ambito di Atersir (l’organo dove sono rappresentate le 9 province emliano-romagnole) necessario per dare il via definitivo che si prevede avvenga entro gennaio 2017 permettendo in questo modo all’ambito di Parma di essere il primo ad andare a gara nella regione.

Il coordinatore del consiglio locale, nonché Sindaco di Fornovo Emanuela Grenti dichiara: “Si è trattato di un’attività non banale avvenuta in un contesto di modifiche normative che hanno portato ad una sostanziale mutazione delle scelte di inizio percorso con una prospettiva di miglioramento dell’attuale gestione e con l’impegno a cercare di preservare gli aspetti salienti rappresentati dal significativo impiego di manodopera derivante dalle cooperative sociali. Un lavoro di squadra tra colleghi amministratori e struttura tecnica di Atersir che auspichiamo possa produrre positive ricadute per il territorio.”

Il rappresentante in consiglio d’ambito e Sindaco di Mezzani, Romeo Azzali dichiara: “La soddisfazione di aver fatto un lavoro condiviso con i sindaci della provincia e i funzionari di Atersir con la consapevolezza che siamo tra i primi in regione e in Italia a bandire una gara di questo tipo che ha la finalità di migliorare il servizio gestione rifiuti per tutta la provincia di Parma, ad esclusione di Fidenza.”

Il rappresentante del comune capoluogo, Assessore all’Ambiente Gabriele Folli dichiara “Ritengo questo un passo importante che ci permette di uscire da una situazione di proroga dove diventa sempre più difficile per i Comuni poter intervenire rispetto all’incremento di nuovi servizi e sul controllo dei servizi erogati. Il nuovo gestore dovrà costituire una società di scopo che si occuperà solo di gestione di rifiuti unicamente nel nostro ambito provinciale permettendo in questo modo un rapporto più diretto e una maggiore attenzione al territorio”

Tari, per gli esercizi commerciali 1 milione e mezzo di euro in più

Il Comune ha deciso di non procedere all’attivazione di una diversa applicazione della tassa sui rifiuti che avrebbe permesso di scaricare l’Iva

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *