18 luglio 2016

Fusione tra “Solari” di Fidenza e “Magnani” di Salso. Gilda favorevole

Fusione tra “Solari” di Fidenza e “Magnani” di Salso. Gilda favorevole

“Ricordiamo inoltre che la legge regionale dell’Emilia Romagna prevede che vi sia obbligatoriamente un tavolo di concertazione”


La Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza è favorevole alla proposta di fondere l’Istituto Alberghiero di Salsomaggiore ed “Solari” di Fidenza, quest’ultima scuola, data la sua specificità, ha bisogno di un’adeguata valorizzazione: obiettivo che potrà essere raggiunto meglio solo con un’offerta formativa omogenea a livello territoriale. Il fatto che il “Solari” sia attualmente inglobato in un mega istituto tricefalo suddiviso in sedi distinte e distanti tra loro, come quelle del “Galilei-Bocchialini-Solari,” non è una buona cosa. Un’aggregazione che a suo tempo fu forse decisa in maniera azzardata e che specialmente negli ultimi anni ha fatto evincere anche i limiti dell’Ufficio Scolastico Regionale, il quale sotto l’aspetto tecnico si mostra poco efficace nel poter esercitare la propria opera di controllo e monitoraggio di una realtà così complessa e disomogenea. Ricordiamo inoltre che la legge regionale dell’Emilia Romagna prevede che vi sia obbligatoriamente un tavolo di concertazione e della norma si evince chiaramente che devono essere invitate anche le organizzazioni rappresentative del corpo docente (art.45 comma 2 della legge regionale n. 12 del 30 giugno 2013), essa così recita: “I Comuni, avvalendosi delle analisi dei fabbisogni professionali e formativi svolte a livello nazionale e locale, in via prioritaria di quelle realizzate dagli enti bilaterali, individuano la domanda di formazione espressa dal territorio attraverso la concertazione con le parti sociali e la consultazione con l’associazionismo, con le famiglie e con gli altri soggetti interessati”. A tal fine il coordinatore della Gilda di Parma e Piacenza, Salvatore Pizzo, richiederà formalmente ciò al Comune di Fidenza che è stato l’ente che per primo ha deliberato ed ha precisato “ci dispiace non lo abbiano previsto prima della delibera”

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *