21 Dicembre 2017

Freddi: sciopero della fame per dire sì allo Ius Soli

Freddi: sciopero della fame per dire sì allo Ius Soli

“Uno stato che non protegge i diritti dei minori è debole e non guarda alla stabilità del proprio futuro”


“Ieri, 20 Dicembre, insieme a Luigi Manconi, ho iniziato uno sciopero della fame, ad oltranza, per sostenere l’approvazione della riforma della cittadinanza: il cosiddetto ius soli e ius culturae.

Ho deciso di aderire all’appello della azione nonviolenta perché credo sia indecente ed insopportabile, che tante attese e così intense speranze siano consegnate al silenzio parlamentare assieme alle tante mancate riforme in tema di diritti.

Ecco perché, insieme a Emma Bonino ed altri militanti e dirigenti di Radicali Italiani, aderisco al digiuno di dialogo con le istituzioni lanciato da Luigi Manconi per chiedere la discussione al Senato della riforma sulla cittadinanza.

Anche in questo caso l’esito non è già scritto, voglio credere che basti poco e che i numeri e il tempo necessari ci siano, perché è sempre tempo per i diritti anche alla vigilia di una campagna elettorale.

Uno stato che non protegge i diritti dei minori – e la cittadinanza è il diritto ad avere diritti – è uno stato poco lungimirante e debole nello stesso tempo, che non guarda alla stabilità del proprio futuro.

E ciò è tanto più vero nel caso dei diritti degli 800mila bambini e ragazzi senza cittadinanza che frequentano le scuole, le piazze, i campetti da calcio i parchi giochi e le parrocchie del nostro paese.

Queste sono le ragioni per cui ritengo che valga la pena fare un estremo tentativo, una azione nonviolenta di sciopero della fame, chiedendo alle istituzioni di assumersi la responsabilità di concludere la legislatura approvando lo ius soli e ius culturae.

Non un gesto disperato né un atto estremo, la non violenza è dialogo con le istituzioni, una dichiarazione di fiducia nella politica”.

Marco Maria Freddi
Effetto Parma

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *