25 Novembre 2016

Festival Verdi più turistico, ma si aspettano nuove risorse. VIDEO


Nel 2016 sono state 24.269 presenze, sui livelli del 2013, per un incasso di 1,356 milioni, ma il Fus cala i finanziamenti (-12mila euro). Raddoppiano le presenze degli stranieri


Un Festival Verdi che torna, in termini di presenze sui livelli del 2013, quando gli spettatori furono 23.344 (di cui 21.502 al Regio e 1.942 a Busseto) dopo due anni di progressiva riorganizzazione. Il Festival in questo biennio triplica il numero degli eventi, da 23 a 62; aumenta gli spettatori complessivi, da 13.409 a 24.269; ma riduce la media di partecipazione ad evento che passa da 583 a 391 persone.

La ripresa dell’attività del Festival porta ad un raddoppio dell’incasso, ma soprattutto è un Festival che inizia a coinvolgere le persone che vengono da fuori città ed è questo il dato più significativo di una manifestazione che sembra diventare sempre più turistica, capace di attrarre 9731 presenze extraterritoriali, di cui 6.880 stranieri.

“Noi abbiamo fatto la nostra parte, lavorando duro e portando i risultati – ha dichiarato il Direttore Generale del Teatro Regio Anna Maria Meo -, abbiamo impostato la nuova stagione con un programma ancora più ambizioso, ma adesso devono arrivare le risorse che aspettiamo, a partire dal finanziamento speciale che il Governo ha votato di 1 milione di euro, ma anche il sostegno di privati, perché il Teatro, ed è giusto dirlo per chiarezza, non potrà mai con gli incassi superare il 25% delle spese complessive”.

La Meo teme che il Governo possa togliere con la mano destra, quello che dà con la sinistra. Perché se è ormai certo che i soldi del finanziamento ci saranno, non lo è altrettanto che non vengano meno altre risorse agli enti locali, obbligando i Comuni a dover compensare tali perdite tagliando, ad esempio, sui sodi che adesso vengono erogati al Teatro Regio.

Su questo punto sono stati chiari anche l’assessore alla, cultura Ferraris e il sindaco Pizzarotti, per i quali la stella poare contina ad essere quella dei conti: “quello che abbiamo presentato per il 2017 è strettamente vincolato alla presenza delle risorse necessarie, se ci sarà bisogno ridimensioneremo il programma, ma sarebbe un peccato dato il grande lavoro fatto fino ad oggi e nel 2016”.

Un impegno condizionato dunque , quello dichiarato alla presentazione del Report 2016 del Festival Verdi, durante il quale sono stati resi pubblici i dati: 14.661 spettatori al Teatro Regio, 5.590 al Teatro Farnese e 2.074 a Busseto. Di questi 9.731 sono biglietti venduti a pubblico non di Parma (2.851 italiani e 6.880 stranieri, di cui 2.220 venduti da Parma Incoming).

Dati che dimostrano una ripresa di pubblico rispetto agli ultimi anni, anche a fronte della scelta di triplicare gli eventi. Nel 2014 gli spettatori erano 13.409, a fronte di 23 eventi, con una media di 583 presenze ad evento; nel 2015 sono passati a 16.116 per 30 eventi, con una media di 537 persone ad evento; per arrivare al 2016, con 24.269 spettatori distribuiti su 62 eventi, per una media di 391 presenze ad evento. Ma questo è anche dovuto alle diverse tipologie di manifestazione proposte.

“È di pochi giorni fa la notizia che il Fondo Unico dello Spettacolo ha ridotto il finanziamento al Teatro Regio di 12mila euro  rispetto allo scorso anno – ha concluso la Meo. Non ci aspettavamo tutto questo, anzi avevamo fatto dei calcoli in base al quale ci saremmo aspettati almeno 50/60mila euro in più e adesso mancano all’appello 70mila euro che adesso troveremo il modo di reperire”.

Da / 3 anni fa / Città /

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *