20 Giugno 2016

FESTA DELLA MUSICA, MARTEDì 21 GIUGNO LA CHIUSURA

FESTA DELLA MUSICA, MARTEDì 21 GIUGNO LA CHIUSURA

Saranno invasi uffici pubblici e location insolite della città animandoli con performance di danza e concerti. Grande chiusura in Piazzale Picelli con i Selton, i Kutso e Sara Loreni


Martedì 21 giugno, giornata ufficiale della Festa della Musica a livello europeo, il programma promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma culminerà in una vera e propria esplosione musicale che vedrà coinvolti fin dal mattino uffici pubblici e location insolite dell’intera città. A chiusura del ricchissimo programma, inaugurato lo scorso 18 giugno, saranno i tre grandi concerti che vedranno protagonisti Sara Loreni, i Selton e i Kutso.

Dalla mattina di martedì 21 giugno gli uffici del Duc, della Casa della Salute di Largo Palli, l’ufficio delle Poste Italiane di via Pisacane, la Stazione Ferroviaria e l’Istituto Penitenziariodi Parma diverranno palcoscenici inconsueti di concerti e performance di danza.

Il Gruppo Flauti e Duo Chitarre del Liceo musicale Bertolucci si esibirà alle ore 11 e alle 16 al Duc (Direzione Uffici Comunali), mentre alle ore 12 e alle ore 15 al Dus (Casa della Salute).

L’Ospedale Maggiore sarà cornice di due appuntamenti musicali allestiti nel Giardino Riabilitativo del Padiglione Barbieri: alle 11 si esibirà il Gruppo Archi Bertolucci e alle 17 il Bertolucci Bassoon Emsemble.

L’Ufficio Postale di Parma Centro (Via Pisacane) sarà animato alle ore 11 dalle performance di danza della scuola Mas Que Tango, alle ore 17 e alle 21 vedrà invece esibirsi, rispettivamente, il Trio pianistico di Bologna e il duo Melani-Anversa.

In Stazione centrale il programma si aprirà con due performance di danza a cura delle scuole Mas Que Tango (ore 12) e Centro Studi Danza Spazio84 (ore 17), per poi proseguire con l’esibizione della Wind Band Bertolucci (ore 18) e chiudersi alle 19 con la performance della scuola di danza Start-Danza e Movimento.

La Casa della Musica ospiterà il progetto “In-Permanenze”, a cura di Eles Iotti e Silvio Franzini, che si protrarrà fino al 3 luglio. Gli eventi inaugurali pensati per la giornata del 21 giugno sono la mostra “In-Permanenze-Solstizio di Luce/ Colore/ Musica” (inaugurazione ore 17.30) presso la Casa del Suono e alle 18.30, presso la Sala Concerti della Casa della Musica, una suite multimediale per video-art, musica elettronica ed installazioni, un affascinante incontro di immagini e suoni, mediante l’intreccio di più linguaggi espressivi.

Anche in questa giornata l’associazione Arcadia riproporrà Tacabanda il laboratorio per bambini, già realizzato durante il weekend, dedicato alla costruzione di strumenti musicali (ore 16, piazzale Picelli), così come proseguirà la popolare iniziativa “Suonami! Piazza che vai, pianoforte che trovi” in collaborazione con l’associazione Cieli Vibranti.

La Festa della Musica per tutta la giornata di martedì coinvolgerà, inoltre, anche i piccoli pazienti dell’Ospedale dei Bambini “Pietro Barilla”, con la lettura da parte dei volontari di Giocamico onlus di favole e racconti sul tema della musica, scelti in collaborazione con il Servizio Biblioteche del Comune di Parma.

Dalle 17.30 la musica tornerà in Oltretorrente, nella Chiesa di Santa Maria del Quartiere, in Piazzale Inzani, ed in Piazzale Picelli dove, alle ore 21, Sara Loreni (conosciuta grazie alla partecipazione e all’inaspettata rinuncia al programma X-factor, e segnalata dai ParmAwards 2015 come miglior artista dell’anno e per il disco Mentha) si esibirà dal balcone sopra il bar Le Minimum. A seguire i Selton, gruppo folk-rock brasiliano, formatosi a Barcellona e ora residente a Milano, subito notato da Fabio Volo che lo ha coinvolto nel programma ITALO-SPAGNOLO del 2006, recentemente, con Voglia di Infinito, singolo estratto dal loro quarto album Loreto Paradiso, sono entrati nella classifica 50 songs di Radio deejay.

La serata si chiuderà alle 22:15 quando saliranno sul palco i KUTSO che, secondi classificati tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2015 con il brano “Elisa”, si autodefiniscono un soggetto musicale che “unisce scherzo e provocazione ad un linguaggio musicale gioiosamente frenetico”.

 

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *