16 Dicembre 2016

Federico Pizzarotti si esprime sull’arresto di Raffaele Marra a Roma

Federico Pizzarotti si esprime sull’arresto di Raffaele Marra a Roma

Il Sindaco di Parma tuona: “Non basta affermare di essere puri e onesti, bisogna anche dimostrarlo”


“La politica non è la lotta tra i buoni contro i cattivi. La politica è la “cultura del realizzare” al servizio della gente. C’è chi era partito con questo spirito ideale, ma ha poi continuato la corsa con la bava alla bocca e il dito sempre puntato, dividendo l’Italia tra il noi e “gli altri”. Questo atteggiamento, sbagliato e ortodosso, ora si ritorce contro chi tempo fa non ha mai voluto ascoltare una mia sola parola. Ma soprattuto è un atteggiamento che non insegna niente a nessuno, men che meno ai giovani. L’onestà non è un logo, né un marchio e nessuno può fregiarsene solo a parole. La politica, invece, non è divisa in compartimenti stagni, da una parte il bianco e dall’altra il nero, ma terra da arare con la discussione e il confronto. Costruire solo con la demagogia, rende deboli le fondamenta di qualsiasi struttura.” – recita questa parole il post pubblicato sulla pagina Facebook del Sindaco Federico Pizzarotti, che si è espresso in merito al caos creatosi a Roma in seguito all’arresto con l’accusa di corruzione di di Raffaele Morra, capo del Campidoglio e braccio destro di Virginia Raggi, primo cittadino della capitale.

“Non basta affermare di essere onesti, bisogna dimostrarlo. – contesta l’ex esponente del M5S al Gr1, emittente radiofonica della Rai – Prima di dare dei giudizi affrettati bisognerà capire bene come sia andata la vicenda. Inoltre penso che quello che ho detto tempo fa si stia verificando, cioè che le diverse situazioni siano gestito in modo assurdo. – continua Pizzarotti, lamentando diversità di trattamento in alcune vicende e i altre che lo riguardano in prima persona – La scusa, nel mio caso era la mancata comunicazione di un avviso di garanzia che neanche è prevista dalla legga. Ci sono altri casi, come quello delle firme false, che sono stati trattati in modo diverso. E’ un atteggiamento che non serve a nulla e non insegna nulla. L’onestà non è un logo, la politica deve essere un’area di discussione e confronto”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *