9 Ottobre 2019

E-R: la produzione frena, restiamo però la locomotiva d’Italia

Da / 2 settimane fa / Economia / Nessun commento
E-R: la produzione frena, restiamo però la locomotiva d’Italia

Stando a quanto dichiarato dall’ultima indagine sulla nostra economia, inoltre, il 36% delle figure ricercate dalle imprese sono di difficile reperimento


La collaborazione tra Unioncamere, Confindustria e Intesa Sanpaolo ha dato vita all’ultima indagine congiunturale relativa al secondo trimestre 2019 sull’industria manifatturiera.

Spiega Alberto Zambianchi, presidente di Unioncamere, che: “l’Emilia- Romagna continua ad essere la locomotiva d’Italia”, un treno però che ha diversi ostacoli sul suo cammino. Le preoccupazioni ed i segnali d’incertezza riguardano principalmente: la guerra dei dazi, il rallentamento economico della Germania e la Brexit.

“Nonostante il perdurare della stagnazione della domanda interna, le nostre imprese continuano a creare ricchezza e nuova occupazione, soprattutto grazie ai mercati esteri. Ma proprio da oltre confine arrivano nuovi segnali di allarme, che, qualora dovessero trovare conferma per quanto riguarda l’entità degli effetti temuti, potrebbero avere pesanti ripercussioni sulla nostra economia. Mi riferisco ai dazi applicati dagli USA, mercato fino a ora in fortissima crescita per le nostre imprese, e mi riferisco anche alla fase difficile che sta attraversando l’economia tedesca, un’area di sbocco naturale per i nostri prodotti in virtù di solidi rapporti di collaborazione tra aziende regionali e tedesche, e infine alla Brexit, che certamente creerà nuovi problemi nel rapporto con un partner storico e importantissimo per molte nostre filiere”.

Inoltre è emerso che il 36% dei profili professionali cercati dalle aziende emiliano-romagnole è considerato difficile da reperire e questo, si prevede, inciderà sull’assunzione di 103mila dipendenti per il periodo settembre-novembre.

Nello specifico: il 22% per mancanza di candidature e il 14% per mancati requisiti specifici ed impreparazione professionale. Oltre ai profili tradizionali si cercano esperti di sicurezza informatica, intelligenza artificiale e blockchain.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *