7 Novembre 2019

Donna accoltellata sul treno, un parmigiano la difende ferendosi

Da / 2 settimane fa / Il fatto / Nessun commento
Donna accoltellata sul treno, un parmigiano la difende ferendosi

La donna di 41 anni è in gravissime condizioni; l’aggressore è accusato di tentato omicidio mentre il difensore parmigiano è in condizioni di media gravità


Un uomo calabrese di 47 anni -per motivi ancora da chiarire- ha accoltellato una donna di 41 anni procurandole gravi ferite alle gambe ed al torace.

E’ accaduto questa mattina, 7 novembre, intono alle 10 di mattina a bordo del treno Frecciarossa 9309 che collega Torino a Milano.

Testimone della brutale aggressione, un uomo di Parma si è frapposto fra i due nel tentativo di porre fine alla violenza che si stava consumando di fronte agli occhi increduli dei passeggeri. La donna è stata colpita ripetutamente alle gambe ed al torace; è stata per questo motivo trasportata presso l’Ospedale Maggiore di Bologna. A causa delle gravi condizioni di salute riportate, è stata intubata e ricoverata presso il reparto Rianimazione.

Il 44enne parmigiano, invece, ha ricevuto una coltellata dall’aggressore calabrese. Fortunatamente, seppure ferito, non ha riportato importanti ferite. Stando alle prime informazioni giunte l’uomo è in condizioni di media gravità.

Il calabrese è stato immediatamente arrestato alla stazione di Bologna con l’accusa di tentato omicidio.

LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI 

Secondo le prime indiscrezioni, ancora da certificare, la donna ed il suo aggressore si conoscevano.

Si pensa possa essere scoppiato un litigio, culminato con l’epilogo dell’accoltellamento furioso. Gli investigatori, al momento, stanno dando credito all’ipotesi che l’accoltellatore abbia avuto una relazione con la donna gravemente ferita.

Anche altri passeggeri del frecciarossa si sono interposti fra i due, riuscendo -ad un certo punto- ad immobilizzare l’uomo responsabile della violenza.

Il calabrese, un inserviente in servizio sul treno, avrebbe impugnato un coltello a serramanico.

Il treno sul quale si è consumata questa brutale violenza è rimasto fermo a Bologna per meno di due ore, per consentire l’intervento degli agenti e del personale sanitario. I passeggeri presenti sono stati invece trasferiti in altri treni.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *