4 dicembre 2018

Detenuti in regime di alta sicurezza? A Parma potranno frequentare l’università

Detenuti in regime di alta sicurezza? A Parma potranno frequentare l’università

Nasce il Polo Universitario Penitenziario. I carcerati usufruiranno di spazi a loro dedicati e saranno sempre sorvegliati.


Potranno seguire le lezioni, fare esami e laurearsi. A Parma nasce il “Polo Universitario Penitenziario (PUP). Grazie ad un accordo tra Università e Istituti Penitenziari di Parma ai detenuti verrà garantito il diritto allo studio universitario.

Il PUP di Parma si inserisce all’interno della rete dei 27 Poli già esistenti in altri atenei italiani, ma c’è una novità: sarà il primo Polo Universitario Penitenziario ad accogliere detenuti in regime di alta sicurezza.

I detenuti usufruiranno di spazi a loro dedicati e saranno sempre sorvegliati. Inoltre, per accompagnare gli studenti-detenuti nel percorso di studio e assisterli nell’espletamento di tutte le attività connesse alla carriera universitaria, è prevista la presenza di tutor, studenti iscritti all’Università alle lauree magistrali o a Corsi di Dottorato.

Referente docente del polo universitario è la professoressa Vincenza Pellegrino, mentre referente amministrativo del progetto è la dottoressa Annalisa Andreetti.

Intanto sono state organizzate delle iniziative che hanno il fine di sensibilizzare docenti, studenti e cittadini rispetto alla realtà carceraria.

L’ELENCO  DELLE ATTIVITÀ       

  • Laboratori tra studenti detenuti e non “La mia storia nella Storia: dall’individuale al collettivo” (iscrizioni già chiuse) – 19 novembre, 26 novembre, 7 dicembre, 14 dicembre, ore 12.45-15
  • Seminario “Carcere e cambiamento” (iscrizioni aperte) – 4 dicembre, Aula A, Plesso San Francesco, via Del Prato, ore 15.30
  • Seminario “La sfida di diventare individuo” (iscrizioni aperte a inizio gennaio) – 24 gennaio, Istituti Penitenziari di Parma, via Burla, ore 13

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *