3 Luglio 2017

Condannato Guido Fanelli, risarcirà l’Università di 260 mila euro

Condannato Guido Fanelli, risarcirà l’Università di 260 mila euro

Medico e docente coinvolto nell’inchiesta Pasimafi, era stato messo ai domiciliari lo scorso maggio. Acconsentiva a sperimentazioni non autorizzate sui pazienti in cambio di denaro


La Corte dei Conti ha condannato Guido Fanelli, docente e medico coinvolto nella recente inchiesta Pasimafi. Direttore della struttura di Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica dell’ospedale Maggiore, Fanelli dovrà risarcire l’Università di Parma di 259.926 euro, per un’indebita attività libero-professionale, incompatibile con le sue funzioni istituzionali. Il “medico” aveva creato un vero e proprio “sistema” – come lui stesso lo definiva – che prevedeva sperimentazioni non autorizzate sui pazienti, e neppure comunicate a chi le subiva, a favore di determinate aziende farmaceutiche, che, per entrare nelle grazie del medico, pagavano, e anche molto.

“Se muoiono in cento con questo filtro nessuno va comunque in galera”, sono le parole di Fanelli, venute fuori da un’intercettazione. Inoltre si condizionavano i corsi di formazione continua dei medici, inserendo persone che promuovevano le case farmaceutiche, sotto compenso di denaro. Pertanto, nello scorso mese di maggio, per Fanelli erano scattati gli arresti domiciliari.

Sospeso intanto dall’Ateneo, a Fanelli i pm contabili contestavano anche compensi indebitamente percepiti per oltre 650 mila euro, tra il 2007 e il 2012. Somma ridotta dai giudici a quasi 260 mila per la prescrizione.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *