7 Marzo 2017

Vuoi essere clown di corsia, ecco come diventarlo

Vuoi essere clown di corsia, ecco come diventarlo

L’8 marzo Vip Parma Onlus invita tutti ad un incontro a sorpresa per conoscere meglio la famiglia dei nasi rossi


Ad oggi sono già in 65, volontari tra i 19 ed i 70 anni, sempre pronti a scendere in corsia per regalare un sorriso agli ospiti dei reparti ospedalieri. Sono i nasi rossi di Vip Parma Onlus. Una grande famiglia che, in questi giorni, si sta attivando, in vista di un corso formativo che si terrà in aprile, per far conoscere la propria attività a tutti gli aspiranti clown.

«Mercoledì 8 marzo, l’associazione invita tutti a partecipare ad una serata conoscitiva per capire chi è il e cosa fa il clown di corsia – spiega Lucia Gambetta, alias clown Sisimò, componente storico del gruppo insieme a Alessandro Cantù, clown Spazzolino -, una serata a sorpresa, perché, rispetto agli altri incontri che organizziamo, più descrittivi, coinvolgeremo il pubblico in una simulazione del nostro “allenamento”, cioè le prove che facciamo prima di una giornata in corsia – aggiunge -, vederci all’opera è un modo per comprendere meglio il nostro lavoro, quindi sarà un momento ricco di sorprese, organizzato con gag e giochi». Vip Parma Onlus al momento è impegnata, in modo particolare, nel reparto di Geriatria al padiglione Barbieri del Maggiore di Parma e all’ospedale civile di San Secondo, ma svolge attività anche nelle scuole, in carcere e presso la coop Insieme.

«Far parte dell’associazione richiede un impegno da parte del volontario, almeno un servizio al mese ed un allenamento, non andiamo mai impreparati in corsia ed è un lavoro di gruppo – continua Lucia -. Chi parteciperà al corso di aprile per diventare clown avrà modo di apprendere da un formatore professionista di Vip Italia quanto sia importante ricoprire questo ruolo con una certa preparazione ed in sintonia con gli altri». Il volontario clown indossa un camice conformato e colorato, il tesserino di riconoscimento con nome e cognome, il logo di Vip Italia sul taschino, il naso rosso e soprattutto il suo sorriso. L’associazione si ispira alla filosofia di Patch Adams, il medico ideatore della clownterapia. «Patch Adams è un nostro modello, la sua però è proprio terapia basata sulla sua formazione medica, noi lo facciamo da profani pur seguendo la sua idea – conclude – . Vip sta per viviamo in positivo, cerchiamo di “rubare” un sorriso in corsia, di distrarre anche solo per 10 minuti dalla malattia, sempre nel rispetto delle persone, mai mettendoci in mezzo tra medici ed infermieri».

La serata di mercoledì 8 marzo è aperta a tutti (è richiesta la maggiore età) e si terrà alle 20.45 presso l’Oratorio della Chiesa Maria del Rosario di via Isola (per info e conferme: cell: 347-0589248 – chiamare dopo le 18.00 – e-mail: spazzolino70@yahoo.it).

Seguiranno altri due incontri a marzo, il 20 ed il 31 alle 21.15 nella sede dell’associazione in via Testi 4. E poi il corso di formazione per diventare un clown di corsia Vip, previsto per il 7, 8,9 aprile.

Per maggiori info www.vipclownparma.org e www.facebook.com/VIP.PARMA.ONLUS

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *