15 Febbraio 2017

Incidenti sul lavoro, la CIGL denuncia gli ultimi episodi

Incidenti sul lavoro, la CIGL denuncia gli ultimi episodi

Nelle morti bianche di bianco ci sono solo le lenzuola che coprono le vittime”


Basta morti sul lavoro nei cantieri. È una strage! – Si apre così un comunicato emesso dalla CIGL riguardante gli ultimi due incidenti tragici sul posto di lavoro che sono costati la vita ad altrettanti operai. I sindacati, oltre ad esprimere la loro solidarietà ed il loro dolore, denunciano alcune precarietà nelle zone dove si sono verificati questi disagi – In soli due giorni a Parma si sono verificati due gravissimi incidenti mortali. Le segreterie di FILLEA CGIL, FILCA CISL e FENEAL UIL provinciali si stringono nel dolore ai familiari delle vittime, a cui va tutta la vicinanza del sindacato e dei colleghi”.

“Noi non smetteremo – dichiarano i rappresentanti territoriali di categoria – di denunciare tutto il nostro dolore e la rabbia di fronte ai tragici dati che ci parlano di morti bianche, che di bianco hanno solo il lenzuolo che le ricopre.

A proposito degli ultimi eventi va precisato, spiegano i rappresentanti sindacali, che i capannoni industriali hanno le coperture in eternit, questo richiede la pianificazione di interventi di bonifica. Ma è impensabile affidare i lavori a piccoli artigiani: così facendo l’amianto uccide due volte. Occorre rafforzare i controlli e le sanzioni, sensibilizzare verso una diffusa cultura della sicurezza e contrastare il lavoro irregolare.

FILLEA, FILCA e FENEAL, nell’evidenziare il dato critico relativo alla età avanzata dei lavoratori coinvolti, già prossimi alla pensione, confidano nella Magistratura perché faccia piena luce su questo tragico incidente ad ogni livello di responsabilità”.

Incidente sul lavoro a Sala Baganza, muore un 40enne

L’incidente è avvenuto questa mattina a Castellaro, frazione di Sala Baganza. L’uomo è stato subito portato al Maggiore

0 comments

Via Londra: muore operaio, cade dal tetto di un magazzino

L’uomo, di 51 anni, è precipitato da un’altezza di dieci metri all’interno del capannone in via Londra, rimanendo ucciso sul colpo

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *