30 Settembre 2017

Chiusura Froneri: presidio in piazza Garibaldi, il 3 sciopero

Chiusura Froneri: presidio in piazza Garibaldi, il 3 sciopero

Cgil: “Froneri produce anche per i marchi Coop e Conad e licenzia: e questa la si chiama responsabilità sociale. I due gruppi intervengano”


Nell’ambito della vertenza relativa all’annunciata chiusura dello stabilimento Froneri (ex Nestlé) di Parma, si è svolto un presidio  sabato 30 settembre, per un volantinaggio davanti al Nespresso Point di piazza Garibaldi. Per il prossimo martedì 3 ottobre è invece proclamato uno sciopero con manifestazione a Milano davanti alla sede di Nestlé.

Venerdì 6 ottobre, infine, alle ore 9.00, si svolgerà uno sciopero dei lavoratori Froneri con attivo unitario dei delegati alimentaristi davanti allo stabilimento Nestlé di Parma, corteo verso la Prefettura e appuntamento dal Prefetto.

Intanto arriva anche un duro comunicato dal parte della  Segreteria Cgil Emilia Romagna, che chiede un intervento di Coop e Conad: “Come Eskigel, Froneri produce tra le altre cose a marchio Coop e Conad. E’ una realtà che nel nostro paese copre circa il 65% della produzione delle marche private e dovrebbe farlo rispettando i codici comportamentali e i disciplinari che richiamano la responsabilità sociale dell’impresa.

Non c’è nulla di etico nel chiudere un’attività produttiva per ragioni che nulla hanno a che fare con il prodotto e con il lavoro. Non c’è nulla di socialmente responsabile nel beffarsi di una comunità, lavoratori e istituzioni, raccontando balle, così come è avvenuto lo scorso mese di luglio.

Si provi a chiedere pubblicamente a Froneri di rispondere socialmente, sul mercato, nella filiera distributiva, agli effetti che si produrrebbero con le decisioni scellerate che sta mettendo in campo. Ci sono tutte le ragioni perché ogni soggetto interessato, compresa la committenza, non metta la testa sotto la sabbia e lavori per far recedere questo gruppo dalle decisioni assunte.

Nei prossimi giorni chiederemo conto anche di questo. Questi qua, quelli della Froneri, pensano di disfarsi con una calcio nel sedere di 250 lavoratori, deridendo un’intera città. Non può essere che, oltre alle ragioni produttive e occupazionali, in questa regione uno arrivi faccia il bello e cattivo tempo, firma il falso (dichiarando e sottoscrivendo a luglio che avrebbe perseguito chi faceva circolare voci sui licenziamenti e la possibile chiusura del sito) e poi con il “sorriso” e una battuta dichiara che licenzia e chiude lo stabilimento. Non lasciamo soli i lavoratori!!!!!”

Antonio Mattioli, Responsabile politiche contrattuali, Segreteria Cgil Emilia Romagna

Chiusura Froneri: Regione pronta ad aprire tavolo di salvaguardia

“Faremo di tutto per tutelare un sito produttivo di eccellenza del settore alimentare”

0 comments

Caso Froneri: “Operazione indecente sulla pelle di 250 lavoratori”

La Cgil annuncia per venerdì 6 ottobre corteo di tutti i lavoratori del settore alimentare della città

0 comments

L’ex Nestlé chiude i battenti: restano solo 120 impiegati

Continueranno le attività amministrative, mentre la produzione passerà agli stabilimenti di Terni e Ferentino.

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *