29 Gennaio 2016

Bollo gratis per chi acquista un’auto ecologica

Da / 4 anni fa / Città / Nessun commento
Bollo gratis per chi acquista un’auto ecologica

Esentati dal pagamento per 3 anni i proprietari di veicoli con alimentazione ibrida immatricolati nel 2016


I proprietari di veicoli con alimentazione ibrida immatricolati per la prima volta nel 2016 non pagheranno il bollo per 3 anni. Lo ha deciso la Regione con legge 23 del 2015 (disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2016-2018): in questo modo l’Emilia-Romagna si allinea a Campania, Lazio e Veneto che hanno già adottato il medesimo provvedimento. Ancora più virtuose Puglia e Basilicata che hanno esteso l’agevolazione da 3 a 5 anni dall’acquisto.

In sostanza sarà esentato dal pagamento chi acquisterà durante quest’anno un veicolo con alimentazione benzina-elettrica o con alimentazione benzina-idrogeno. La Regione ha stanziato 500mila euro a copertura del provvedimento e ha siglato accordi con i Comuni per il libero accesso delle auto ecologiche alle Ztl e la possibilità di parcheggiare gratuitamente. E anche i possessori di vetture elettriche, in base alla normativa nazionale, non pagano il bollo auto per cinque anni dalla prima immatricolazione.

Proprio la Regione vuole puntare sulla mobilità sostenibile: con uno stanziamento complessivo di 2,4 milioni di euro circa, ha finanziato al 100% l’acquisto di 103 veicoli tra auto, autocarri van, autocarri combi e quadricicli da parte dei 15 Comuni che hanno aderito all’accordo di qualità dell’aria (Bertinoro, Bologna, Carpi, Cesena, Faenza, Ferrara, Forlì, Forlimpopoli, Imola, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini).

In Emilia-Romagna sono 7.472 le autovetture ibride ed elettriche circolanti, come emerge da un’elaborazione dell’Osservatorio Federmetano sui dati Aci del 2014. Un peso di appena lo 0,3% sui 2 milioni e 754 mila veicoli totali, la maggior parte dei quali (2,2 milioni) ha alimentazione a benzina o gasolio. Il numero di auto ecologiche aumenta se si considerano anche quelle alimentate a metano e a Gpl (oltre 483mila, il 17,6%).