14 Dicembre 2015

Bilancio: seconda seduta per il Consiglio

Bilancio: seconda seduta per il Consiglio

Pizzarotti: “2016 anno del volta pagina”. Pd: “Il Comune sta spremendo fino in fondo i cittadini per far pagare loro il debito pubblico e al tempo stesso per mandare avanti la campagna elettorale”


Sessione straordinaria per il Consiglio Comunale, convocato oggi, 14 dicembre, alle ore 15 per la discussione sul Bilancio di Previsione Finanziario 2016-2018. La seduta conclusiva con il voto sul documento contabile per l’anno 2016 è prevista il 18 dicembre.

Dopo le parole di Pizzarotti, diffuse attraverso un video pubblicato dal Comune, relative al 2015, visto come anno della svolta, dopo “una grande sfida” che, per la giunta, sembra ormai vinta,”ora ‪#‎Parma‬ può puntare su un futuro di certezze: equilibrio, attrattiva, sostenibilità e inclusiva saranno le parole magiche dell’oggi e del domani” scrive il sindaco su Facebook. E il debito? Chiede qualcuno. “Il debito è ormai sotto controllo, con piani che lo ridurranno negli anni a venire. Ora iniziano gli investimenti per ripristinare la nostra bella città” risponde Pizzarotti. E dunque, il 2016 sarà l’anno del “volta pagina”. Lecito aspettarsi fuoco e fiamme nel pomeriggio, data già l’opinione, resa pubblica, del Pd: «Il 2015 doveva essere l’anno del raccolto ma evidentemente si è dimenticato di seminare: abbiamo visto veramente molto poco» ha affermato Dall’Olio.

Prima di pensare al bilancio, in consiglio saranno trattate l’interrogazione del consigliere Pellacini su problematiche urbanistico-ambientali in Quartiere San Leonardo, l’interrogazione del consigliere Dall’Olio su ripristino bagni pubblici e illuminazione Parco Nord, l’interrogazione del consigliere Pellacini relativa alla necessità di interventi per potatura piante e messa in sicurezza nelle zone di via Isola e via Anna Frank e quella su pannelli pubblicitari pericolosi, l’interrogazione del consigliere Dall’Olio su rinnovo autobus Tep e potenziamento linee ferroviarie in conformità con obiettivi PAIR.

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *