12 settembre 2017

Barilla dice “No” all’inquinamento e “Si” ai veicoli a metano

Barilla dice “No” all’inquinamento e “Si” ai veicoli a metano

Con l’uso dei nuovi autoarticolati si prevede una diminuzione delle emissioni di pm 10 nell’atmosfera e un calo dell’inquinamento acustico


Continua l’impegno di Barilla contro l’inquinamento generato da mezzi di trasporto. Dopo l’uso del treno in sostituzione dei tir provenienti dal porto di Ravenna, l’azienda investe su tre autoarticolati a gas metano liquido. Un progetto del valore di centinaia di migliaia di euro e realizzato in collaborazione con Italtrans, partner logistico del Gruppo.

In questo modo si prevede una diminuzione delle emissioni di pm10 nell’atmosfera e un minore  inquinamento acustico, rispetto a quanto prodotto dai tradizionali mezzi a gasolio. Il metano allo stato liquido, inoltre, consentendo di stoccare nel serbatoio standard di un veicolo pesante circa tre volte il contenuto energetico del pari volume di metano compresso tradizionale, garantirà una maggiore autonomia del veicolo, capace di raggiungerei 1.500 chilometri con un pieno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *