20 Agosto 2015

Bando nonni vigile: si torna all’antico. Solo l’Auser si presenta

Bando nonni vigile: si torna all’antico. Solo l’Auser si presenta

Presso il comando della Polizia Municipale in via del Taglio si è provveduto all’apertura delle buste per il bando di guardiania: unica proposta quella di Auser, a cui fu tolto il servizio un anno fa


Clamoroso in via del Taglio. L’apertura delle buste per il bando di sorveglianza dei presidi scolastici, il cosiddetto bando “Nonni vigile” è stato molto veloce… visto che c’era una sola busta da verificare, quella dell’Auser. Che è stata giudicata idonea dalla Commissione presieduta dal Comandante Noè, pertanto, se non vi saranno intoppi clamorosi, a giorni sarà l’Auser (associazione per l’autogestione dei servizi e la solidarietà) a svolgere il servizio.

Davanti alle scuole torneranno i nonni con la pettorina a svolgere quelle mansioni di ausilio che per anni hanno ricoperto raccogliendo stima e fiducia generale, tra i cittadini e soprattutto tra i genitori. Torneranno, perchè da oltre un anno mancano, a causa della valutazione di illegittimità della precedente convenzione, espressa dalla Giunta Pizzarotti. La vicenda suscitò parecchio clamore, con alzate di scudi da una parte e dall’altra. Ma la Giunta fu irremovibile e il servizio negli ultimi tempi era stato affidato alla Polizia Municipale. Ciò che aveva insospettito il governo cittadino era il sistema dei rimborsi: vi si poteva forse nascondere un fine di lucro o una opaca forma di speculazione? Nell’incertezza meglio sospendere, forti anche di un episodio che ha visto l’intervento della magistratura avvenuto a Budrio nel bolognese. La vicenda dei rimborsi è quindi passata alla Regione, che le ha giudicate regolari. A quel punto il Comune di Parma ha iniziato la sua retromarcia, prima ha affidato ad Auser la sorveglianza del parcheggio di via Volturno (area ospedale) e poi ha indetto il bando. Si è chiuso così il cerchio e ci ritroviamo al punto di partenza, ma nel frattempo è passato un anno e mezzo.

LEGGI LA NOTA DEL PD PROVINCIALE

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *