18 Settembre 2015

Bando disabili, respinto il ricorso: via all’avvicendamento

Bando disabili, respinto il ricorso: via all’avvicendamento

Dal 21 affidamento definitivo ad Ancora e Aldia, assunti 120 educatori di Parma. Qualche rinuncia e una piccola riorganizzazione rispetto ai primi giorni


Nessun annullamento della gara, i valori ministeriali del costo del lavoro sono derogabili. Così scrive il tribunale secondo il quale la richiesta è da rigettare data:”La genericità delle doglianze formulate avverso il contestato costo del lavoro esposto dall’aggiudicataria basate unicamente sullo scostamento dai valori indicati nelle tabelle ministeriali, pacificamente derogabili”.

Con queste motivazioni il Tar ha respinto il ricorso delle cooperative Aurora Domus e Proges che gestivano il servizio di intergrazione scolastica per i disabili prima della nuova assegnazione. Il Comune ha comunicato che  Ancora e Aldia, che in questi giorni hanno assunto 120 educatori parmigiani interessati dal servizio, da lunedì 21 settembre prenderanno possesso del servizio “stanno approntando i passaggi organizzativi necessari per garantirne la sostanziale continuità”

Un’ultima nota lascia intendere che qualche variazione ci sarà: “Poiché non tutti gli operatori hanno confermato la collaborazione con i nuovi gestori, è possibile che lunedì si verifichino in alcuni casi cambiamenti rispetto al servizio avviato martedì scorso con l’apertura delle scuole, dovuti esclusivamente all’inevitabile limitato cambiamento di educatori, che comunque non inciderà sulla continuità del servizio erogato”.

In ogni caso il Comune ha garantito il massimo impegno per aiutare la cooperative subentranti a organizzare il servizio nel minor tempo possibile e creando minor disagio alle famiglie