30 Maggio 2017

Bando disabili, Scarpa: “Ripensare il servizio, l’obiettivo è la qualità”

Bando disabili, Scarpa: “Ripensare il servizio, l’obiettivo è la qualità”

Critico sulla nuova gara anche Luigi Alfieri “Sto con gli educatori, stop ai servizi al massimo ribasso camuffato”


Il Comune di Parma ha pubblicato il nuovo bando sull’integrazione scolastica che dovrà coprire il prossimi biennio, non sono mancate le critiche da parte del Comitato educatori Parma. Sulla questione intervengono i candidati sindaco Scarpa e Alfieri.

Paolo Scarpa.Nei giorni scorsi si è chiuso il bando per la gestione del Servizio di Integrazione scolastica per i prossimi anni, fra un mese saranno aperte le buste con le proposte presentate e verrà insediata una commissione per la valutazione delle offerte che difficilmente potrà avere un esito prima di agosto.

E’ l’ennesimo episodio che dimostra scarsa considerazione per un sistema sociale vivo, che a Parma viene sistematicamente umiliato da logiche di profitto che non dovrebbero competere a un ente pubblico. Il sistema sociale di Parma è storicamente basato su cooperazione sociale, operatori ed educatori di grande livello, che non possono finire sotto la spada di Damocle di affidamenti e appalti che penalizzano qualità del servizio e tradizione di solidarietà e efficienze tipiche della storia di Parma. Diciamo basta a questi metodi!

Ho letto con interesse ed attenzione le considerazioni espresse dagli educatori nel loro comunicato e mi conforta apprendere che molte delle loro richieste sono in sintonia con gli obiettivi e le azioni che la coalizione che rappresento intende perseguire se i cittadini di Parma ci affideranno l’amministrazione della città. La logica dei bandi che ripresentano, in forme diverse, la logica del massimo ribasso come metodo di scelta penalizza il sistema sociale consolidato con danni per gli operatori, il servizio e tutta la cooperazione sociale.

La figura dell’educatore ha assunto in questi ultimi anni un rilievo primario nell’organizzazione del tempo scuola, soprattutto a fronte dei consistenti tagli operati a livello ministeriale sul personale ausiliario e sui docenti addetti al sostegno e all’integrazione degli alunni disabili. Il delicato compito che gli educatori svolgono, fatto di relazioni e di fiducia con chi si trova in difficoltà, richiede una continuità che solo la stabilità contrattuale e la valutazione delle complessive esigenze annuali delle istituzioni scolastiche possono garantire.

E’ indispensabile ripensare il modello di gestione di questo servizio essenziale. Gli alunni, i genitori e le scuole non possono vivere nell’incertezza, ma devono poter contare in modo stabile e continuativo su quelle che divengono importanti figure di riferimento per l’intera comunità scolastica. Gli educatori, d’altra parte, hanno il diritto ad una condizione contrattuale che ne limiti per quanto possibile la precarietà, specie a fronte di un investimento psico-emotivo quale quello richiesto dal loro ruolo.

Ovviamente questo potrà avvenire fra due anni, alla scadenza del nuovo contratto. Due anni che devono servire a ripensare il servizio, avendo come obiettivo centrale il progetto personalizzato e la qualità del lavoro. Stabilizzare significa migliorare le condizioni dei lavoratori, ma anche non disperdere l’esperienza e gli investimenti in formazione che si fanno: significa che il Comune si fa garante nei confronti dei cittadini della qualità dei percorsi educativi ed assistenziali e della formazione del personale, anche se dipendente da soggetti terzi“.

Luigi Alfieri: “Sto con gli educatori, stop ai servizi al massimo ribasso camuffato. Lo abbiamo scritto chiaramente nel nostro programma: stop ai servizi al massimo ribasso camuffato da offerta economicamente più vantaggiosa. Rispondiamo così alla domanda che ci pone l’Assemblea Educatori Parma commentandoil bando sull’integrazione scolastica uscito la settimana scorsa – spiega Luigi Alfieri, candidato della lista civica Alfieri per Parma.

La tentazione di risparmiare sui servizi alla persona è ben presente in molti Comuni e Ausl italiane – spiega Alfieri – e il Comune di Parma in questi anni non ha fatto eccezione. E aveva promesso pubblicamente che non sarebbe più stato così. Io mi impegno ad adottare forme di aggiudicazione che tutelino la qualità dei servizi per bambini, anziani e disabili e la dignità dei lavoratori del settore e ad abolire tutte le gare al massimo ribasso camuffato da offerta economicamente più vantaggiosa. 

La legge regionale vieta questo tipo di gare per i servizi alla persona, ma può essere aggirata, utilizzando formule matematiche che di fatto impediscono alla qualità di un progetto di recuperare lo svantaggio accumulato nel confronto con ribassi vertiginosi.

Ribasso oltre certi livelli significa ovviamente meno qualità per gli utenti e meno tutela dei diritti dei lavoratori. Ed è questo che lamentano giustamente gli educatori. Il caso più clamoroso era stato proprio l’aggiudicazione alle cooperative Ancora e Aldia, nella primavera del 2015, dell’appalto per l’integrazione scolastica dei disabili. In quell’occasione la base d’asta era stata ribassata addirittura del 10%. Anche in altri settori il Comune ha seguito questa strada.

Tutti fanno così? Che alternative ci sono? Il Comune di Milano ha appaltato di recente importantissimi servizi agli anziani per decine di milioni annui di fatturato, utilizzando formule che impediscono aggiudicazioni al massimo ribasso. E, restando in provincia, il Comune di Fidenza ha annunciato nel 2015 l’inserimento di clausole sociali nelle gare per la gestione della viabilità e del verde, e il mantenimento della ‘pesatura’ economica sotto il 30%, dando ampio peso alla qualità dei progetti. Noi -conclude Luigi Alfieri -non permetteremo più che le persone più deboli e i lavoratori non vengano tutelati come prevede la legge”. 

Comitato educatori Parma contro bando integrazione

“La gara così non va: completa assenza di strumenti di controllo sul servizio erogato e ancora aberrazione della gara al massimo ribasso”

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *