18 Febbraio 2017

Artoni diffida: “la Fercam rispetti gli accordi presi”

Artoni diffida: “la Fercam rispetti gli accordi presi”

L’azienda di trasporti: “Interrotto illegittimamente il processo di trasferimento del principale ramo d’azienda Artoni in capo alla neo costituita FercamArtoni e diffusa una  campagna allarmista rilasciando informazioni destabilizzanti”


Si inasprisce il conflitto tra l’azienda Artoni e la Fercam, che, a seguito dei loro accordi, avevano dato vita alla FercamArtoni, nata dal trasferimento del principale ramo d’azienda Artoni.  E adesso arriva anche una diffida. “La Fercam rispetti gli accordi”. E’ quanto scrive, in una nota, la società di trasporti Artoni, riguardo la vicenda del passaggio di un ramo d’azienda alla società altoatesina messo in discussione dalla stessa Fercam.

Il gruppo bolzanino, sottolinea l’azienda emiliana, “da un lato, ha inaspettatamente quanto illegittimamente interrotto un processo di trasferimento del principale ramo d’azienda Artoni” in capo alla neo costituita FercamArtoni, “e, dall’altro, ha provveduto a perpetrare una diffusa campagna allarmista rilasciando informazioni destabilizzanti per il mercato e provocando un’incontrollata diaspora di clienti e dipendenti”.

Pertanto, viene spiegato, Artoni “ha già provveduto ad invitare e diffidare FercamArtoni a rivedere la posizione presa e a provvedere, senza indugio, a dar corso alle intese già più volte condivise, al fine di porre in essere gli adempimenti necessari al perfezionamento dell’operazione in parola, con salvezza dei valori occupazionali in gioco”.

Fercam-Artoni: 3 mila posti a rischio, sciopero e presidio a Parma

Dalle 14 di oggi i dipendenti del gruppo Artoni protestano davanti allo stabilimento Fercam di via Mantova

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *