13 ottobre 2016

Arriva il mega carcere: “Servono più agenti e politiche adeguate”

Arriva il mega carcere: “Servono più agenti e politiche adeguate”

Dall’Olio e Maestri Pd: “L’ampliamento sarà fino a 800 detenuti, 200 in più di adesso. Il Comune ha pensato a nuove politiche di reinserimento?”.


“Sono in corso i lavori di ampiamento del carcere di Parma che arriverà ad ospitare fino a 800 detenuti, facendolo diventare, in proporzione alla popolazione, il più importante dell’Emilia-Romagna. Crediamo che sia decisivo avviare una riflessione comune sul ruolo di questa struttura, anche per le sue ricadute sulla nostra città, senza dimenticare la carenza di organico denunciata più volte dalla polizia penitenziaria e il numero elevato di detenuti”. E’ questo, in sintesi, l’obiettivo dell’interrogazione che il capogruppo del Partito democratico Nicola Dall’Olio e la deputata Patrizia Maestri hanno presentato rispettivamente in consiglio comunale e alla Camera dei deputati. “Chiediamo di sapere – dicono – da dove arriveranno i nuovi detenuti e per quale tipologia di reati sono stati condannati e se si tratta di persone senza fissa dimora o meno, ma anche come si intende risolvere la carenza di agenti che ormai dura da anni e se il Comune ha intenzione di adeguare i programmi di reinserimento sociale e lavorativo visto l’incremento della popolazione carceraria e i relativi costi”.

“TRASPARENZA VERSO I CITTADINI” – Il nuovo padiglione che verrà realizzato in via Burla potrà ospitare sino a 200 detenuti, con conseguente ricaduta sul territorio sia per quanto riguarda la sicurezza sia per il reinserimento sociale e lavorativo di chi esce dal carcere. Maestri ha rivolto la sua interrogazione al ministro Orlando mentre Dall’Olio ha chiesto chiarimenti alla giunta Pizzarotti. “Sappiamo – dicono i due esponenti Pd – che ci sono competenze diverse tra Comune e Governo, ma questo ampliamento va ad incidere direttamente su entrambi e abbiamo voluto agire su due fronti. Crediamo sia importante dare risposte concrete e trasparenti ai cittadini rispetto ad un tema su cui deve essere fatta piena informazione”.

DALL’OLIO: “COME VUOLE AFFRONTARE LA QUESTIONE IL COMUNE?” – Nella sua interrogazione al Comune il capogruppo Pd chiede se il l’amministrazione “stia o meno pianificando l’attivazione o l’adeguamento dei programmi di reinserimento sociale e lavorativo, tenendo conte del previsto incremento dei detenuti e quali sono i maggiori costi che si prevede di dover sostenere e dove queste risorse verranno reperite”. “Nella maggior parte dei casi – commenta Dall’Olio – chi esce dal carcere si ferma sul territorio in cui ha scontato la pena, quindi l’aumento dei detenuti porta come conseguenza maggiori casi da affrontare per la città. Per questo una struttura penitenziaria di maggiori dimensioni, oltre a un’adeguata dotazione di personale di Polizia penitenziaria, deve prevedere un adeguato presidio sul territorio delle forze dell’ordine ma anche un sistema che permetta di gestire nel modo migliore chi ha finito di scontare la propria pena. Per questo vorrei sapere dall’amministrazione cosa intende fare e dove vuole reperire i fondi necessari”.

MAESTRI: “SERVONO PIU’ AGENTI” – La deputata Maestri, nella sua interrogazione, chiede al ministro come intenda agire per la questione, mai risolta, della carenza di agenti di polizia penitenziaria al lavoro in via Burla. “Da tempo – sottolinea l’esponente Pd – abbiamo sollevato questo problema e con l’ampliamento la situazione diventa sempre più critica: vorrei sapere se c’è in programma un adeguamento del personale in servizio visto che da tempo i rappresentanti degli agenti lamentano una situazione insostenibile. Con questo intervento il carcere di Parma, in rapporto al numero di residenti, diventa quello più popoloso e la cosa deve essere risolta in tempi brevi”. Nel documento la deputata chiede di sapere se è previsto un adeguato presidio delle forze dell’ordine per la città. “Una struttura carceraria di queste dimensioni – dice – ha anche ricadute sulla città che la ospita, per questo credo che sia importante, come già detto in tante occasioni, che si prevedano maggiori investimenti per la sicurezza di Parma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *