22 Aprile 2016

Arriva la Street Food Mania. I racconti di chi sarà a Parma

Arriva la Street Food Mania. I racconti di chi sarà a Parma

Dagli Stati Uniti all’Europa, impazzano i food truck. «La vita da chef itinerante è davvero piena, non ci fermiamo mai, ma è bella anche per questo»


Nato dall’esigenza di nutrire il popolo a poco costo, il cibo da strada ha origini molto lontane nel tempo e, giorno dopo giorno, si è modificato ed evoluto, finendo col rappresentare una vera e propria tendenza del mondo globalizzato. Ma non è tutto: lo street food rappresenta la tra-dizione e l’identità di un territorio.

Negli Stati Uniti scoppia la mania dei food truck, oggetto di attenzione da parte di gourmet sempre più esigenti e media specializzati. A Parma è addirittura nata da poco la Street Food Academy, la prima struttura italiana che forma coloro che intendono intraprendere questo percorso. A sostenere il progetto e farsi sponsor di due borse di studio aggiuntive è Chef Rubio, protagonista del programma televisivo “Unti e Bisunti”. Insomma, un fenomeno che impazza dappertutto e, dunque, anche nella città ducale. Proprio qui, dal 23 al 25 aprile, protagonista è il Festival dello Street Food. Automezzi di ogni tipo, dai più semplici ai più originali, si riversano in città, portando con sé non solo cibo e tradizioni, ma anche storie di chi in questo mestiere ha deciso di investire.

«La vita da chef itinerante è davvero piena, non ci fermiamo mai, ma è bella anche per questo» racconta il ventinovenne Ivan che, dal giugno 2015, gira l’Italia con il suo “Car Cake”. Prima di conoscere questo nuovo mondo, Ivan ha lavo-rato come cuoco prima in Italia e poi all’estero. Una volta rientrato nel Bel Paese, resosi conto delle poche opportunità lavorative e del grande successo del nuovo fenomeno del cibo da strada, ha deciso di investire in questa novità, riversando in essa tutte le sue competenze e, soprattutto, la sua passione. «Sul momento produciamo il gelato sulla piastra, ma anche tante varietà di crema – spiega –, mentre gli altri prodotti, quelli da forno e non deperibili, li produciamo nel corso della settimana in una pasticceria».

Valentina e Mireia, invece, sono due giovani imprenditrici con due passioni in comune: il viaggio e la cucina. Per questo, dopo essersi conosciute a Barcellona, hanno deciso di lanciarsi nella nuova sfida dello street food, ma con un tocco ancora più originale: creare un vero e proprio percorso culinario spagnolo. «Entrambe abbiamo un passato nel mondo della ristorazione – racconta Valentina –, per que-sto abbiamo unito le nostre competenze per dare vita a un progetto che tenesse conto anche e soprattutto della nostra personalità: dinamica, attiva e con tanta voglia di fare». Las Bravas – così si chiama il loro food truck – propone tutti prodotti iberici di qualità, legati alla tradizione, ma allo stesso tempo confusi con sapori nuovi. «Il nostro è uno stile di vita dinamico, divertente, “street”, ma anche faticoso – spiega Valentina –. La cosa più bella del nostro lavoro è l’interazione diretta col cliente: mentre cuciniamo, abbiamo la possibilità di parlare con le persone, di raccontare i gusti e i sapori di un Paese vicino al nostro, di raccontare la storia del piatto che a breve mangeranno».

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *