19 Gennaio 2017

Arrestato in via Euclide, doveva scontare 13 anni di carcere

Arrestato in via Euclide, doveva scontare 13 anni di carcere

Portava con sé documenti falsi e oggetti contundenti. Era stato condannato per reati contro il patrimonio, traffico di droga e molto altro


Come se nulla fosse, girava tranquillamente per le vie di Parma. Ma stavolta qualcosa è andato storto, un 57 enne siciliano pluripregiudicato è stato infatti fermato per un controllo in via Euclide e successivamente arrestato. L’uomo si muoveva con una Peugeot vecchia con targa francese, cosa che ha insospettito e non poco gli agenti. Al momento del controllo, da subito, il 57enne ha mostrato un certo stato d’ansia, inoltre ha dichiarato false generalità e ha consegnato ai poliziotti un documento falso.

Attraverso delle ricerche più approfondite si sono poi scoperte le vere generalità dell’uomo. Classe 1959, siciliano, latitante e ricercato con una serie infinita di accuse: reati contro il patrimonio, la fede pubblica, l’autorità giudiziaria, la famiglia e la persona, per reati inerenti armi ed esplosivi e al traffico di droga. Accuse a cui si aggravano le denunce per porto di oggetti atti a offendere ed una sanzione amministrativa per guida patente (nel bagagliaio infatti custodiva un manico di legno, una mazza da golf, una da muratore e un martelletto per rompere i finestrini dei treni in caso di emergenza; tutto condito da una patente che non aveva mai conseguito). Condotto nel carcere di via Burla e sottoposto a processo, l’uomo ha patteggiato altri due anni che si aggiungono ai 13 anni e 4 mesi che avrebbe già dovuto scontare.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *