17 Marzo 2016

Area Vasta: incontro tra Parma e Piacenza

Area Vasta: incontro tra Parma e Piacenza

In attesa dell’adesione di Reggio Emilia. Fritelli: “L’area vasta dovrà diventare più un ente di programmazione che di gestione, per governare il cambiamento, anziché subirlo”


Erano presenti in gran numero i sindaci del Parmense e del Piacentino stamattina, al teatro Verdi di Fiorenzuola, all’incontro con l’Assessore regionale al Riordino istituzionale Emma Petitti, organizzato dai Presidenti delle Province di Parma Filippo Fritelli e di Piacenza Francesco Rolleri per discutere dell’accordo quadro che si sta stipulando tra le Province di Parma e Piacenza.

Rolleri, che è anche Sindaco di Vigolzone, ha illustrato le ragioni dell’accordo: i fortissimi tagli ai bilanci, il blocco delle assunzioni e la drastica riduzione del personale provinciale, il processo di riforma costituzionale che porterà in autunno al referendum per l’abolizione definitiva delle Province, il nuovo progetto di Area vasta. “I due Enti mantengono la loro indipendenza e la loro identità territoriale, ma alcune funzioni, come il turismo e la gestione del brand Emilia potrebbero essere gestite in futuro anche con altre Province, soprattutto Reggio Emilia, che per ora non aderisce, ma che avrà la possibilità di essere coinvolta in seguito, a partire da questo accordo quadro.

E i segnali di apertura da Reggio non mancano, come ha comunicato il Presidente della Provincia di Parma e Sindaco di Salsomaggiore Filippo Fritelli, che ha incontrato ieri gli amministratori di oltre Enza al Fuori orario di Taneto, insieme al Sindaco di Parma per parlare proprio di area vasta, incontro organizzato da una forza politica locale. “L’area vasta dovrà diventare più un ente di programmazione che di gestione, per governare il cambiamento, anziché subirlo” ha spiegato.

L’accordo quadro, illustrato dal Direttore generale della Provincia di Piacenza Vittorio Silva, prevede la programmazione, il coordinamento e supporto ai Comuni in alcune funzioni amministrative: centrale unica di committenza, servizio Europa, servizio legale, con sperimentazioni anche sulla pianificazione territoriale e la promozione turistica. Si tratta di uno strumento flessibile che in soli sei punti indica un chiaro percorso di collaborazione. I Consigli provinciali saranno chiamati a votare e per ciascuna attività sarà poi stipulata una specifica convenzione. L’accordo è aperto fin da subito all’adesione di altri enti.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *