11 Maggio 2016

ISPRA e Rete Ambiente: le acque del territorio sono contaminate

ISPRA e Rete Ambiente: le acque del territorio sono contaminate

Rap: “Il 70% delle acque superficiali in Emilia è contaminato dal glifosato, diserbante cancerogeno, e da altre 200 sostanze nocive, la cui ricombinazione produce un mix di veleni”


ISPRA (Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale) conferma le tesi di Rete Ambiente Parma: le acque dei nostri fiumi e quelle delle falde acquifere sotterranee sono impestate.

La nota di Giuliano Serioli, Rete Ambiente Parma:

“Il 70% delle acque superficiali in Emilia è contaminato dal glifosato, diserbante cancerogeno, e da altre 200 sostanze nocive, la cui ricombinazione produce un mix di veleni.
Le falde acquifere sotterranee non sono solo minacciate dalla lisciviazione dell’azoto e dai nitrati, ma anche da diserbanti e pesticidi.
Lo zuccherificio Eridania di S.Quirico di Trecasali chiude perché gli agricoltori non coltivano più bietole, non più remunerative. Prezzi crollati per la concorrenza del Nord Europa. Così tutti a coltivare mais da biodigestare nelle oltre 1.000 centrali a biogas della Pianura Padana. Ma i milioni di tonnellate di quel biodigestato, pieno di ammoniaca, viene poi riversato nelle campagne e nei coltivi di pregio, nei prati di erba medica per la produzione di latte e formaggio grana. Quell’azoto ce lo ritroviamo a tavola nelle insalate, verze e pomodori. La presenza di nitrati negli ortaggi è considerato un problema di salute pubblica. Problemi alla tiroide, scarsità di vitamina A e in certi casi, cancro allo stomaco. Se anche la lattuga diventa pericolosa siamo veramente sull’orlo di un disastro. Non è più il caso di parlare di diete, ma di ambiente. Abbiamo trasformato la Pianura Padana, la terra più fertile d’Europa, in una landa grigia, priva di alberi e di filari di vite, un paesaggio nudo e tetro. Per rincorrere le promesse dell’agricoltura industriale abbiamo imbottito la terra di veleni. E a questi abbiamo aggiunto i prodotti delle centrali a biomassa. Che percolano fatalmente nelle falde acquifere, sommandosi ad altri inquinanti nitrici derivati dalle migliaia di allevamenti industriali. Ecco perché l’acqua che ci arriva in casa costa sempre di più in bolletta. Il costo della depurazione è pari se non superiore a quello dell’acqua stessa. Ma non c’è limite al peggio. L’aria che respiriamo è più pericolosa del suolo agricolo e dell’acqua inquinati. Alle emissioni industriali si sono sommate quelle degli inceneritori, quelli dei cogeneratori di biomasse, quelle del riscaldamento domestico a legna, per tacere del traffico veicolare che mangia altra pianura con nuovi tracciati di autostrade. Ora si capiscono i dati allarmanti sul picco di mortalità nel 2015, superiore del 16,3% al 2014. Il dato statistico era volutamente spalmato a livello nazionale, ma presumibilmente si riferiva alla zona più inquinata del paese, la Pianura Padana”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *