27 Marzo 2017

Alcolismo, 500 le persone che si sono rivolte al Ser.T nel 2016

Alcolismo, 500 le persone che si sono rivolte al Ser.T nel 2016

Aprile è il mese della prevenzione alcologica. L’Ausl di Parma promuove banchetti informativi ed incontri aperti ai cittadini


Solo nel 2016, sono state poco più di 500 le persone che si sono rivolte ai Ser.T dell’Azienda USL di Parma per ricevere cure di carattere sanitario, psicologico e socio-educativo, legate al problema dell’alcolismo.

Aprile è il mese dedicato alla prevenzione alcologica, perché l’abuso di alcol e la dipendenza da questa sostanza sono un grave problema per molti con gravi conseguenze sulla salute e sulla società. L’alcolismo è una malattia cronica caratterizzata da alterazioni comportamentali, fisiche e psichiche causate dal consumo continuativo o periodico di quantità elevate di alcol, i cui effetti interferiscono pesantemente con la salute della persona e con la sua vita lavorativa, relazionale e sociale.

“La dipendenza da alcol è un problema che non va sottovalutato – afferma Ettore Brianti, direttore sanitario dell’AUSL di Parma – Ogni anno, in Italia, circa 40.000 persone muoiono a causa dell’alcol per incidenti stradali, domestici, sul lavoro e per malattie causate dall’abuso cronico di questa sostanza. Si tratta di morti evitabili, perché da questa dipendenza si può uscire, con l’aiuto dei servizi dedicati, presenti sul territorio provinciale”.

“Uscire dalla dipendenza si può”, invita l’Ausl. Il primo passo è chiedere aiuto ai Ser.T. dell’Azienda (per sedi e orari www.ausl.pr.it). L’accesso al servizio è libero, non occorre la ricetta del medico. Sono garantite, nel rispetto della massima riservatezza, le cure di carattere sanitario, psicologico e socio-educativo, oltre al sostegno alla famiglia. Molto importante la collaborazione con le Associazioni di auto-mutuo aiuto Alcolisti Anonimi, Al-Anon (familiari di alcolisti) ACAT provinciali e le Comunità terapeutiche specializzate.

In calendario, incontri informativi per i cittadini

Per sensibilizzare i cittadini sul tema della prevenzione dall’abuso di alcol e su quali servizi sono presenti per dare aiuto a chi è alcol-dipendente, per tutto il mese di aprile, l’Azienda USL, insieme alle Associazioni, organizza incontri e banchetti informativi.

Al Ser.T di Parma, sempre dalle 10 alle 12, gli operatori dell’AUSL sono presenti: il 6 e il 13 con AA e AL ANON; l’11 e il 27 con ACAT.

Sempre a Parma, al centro medico San Moderanno di Via Trieste n. 108, gli AA sono presenti l’11 dalle 16.30 alle 20.

Alla Casa della Salute di Colorno, nelle giornate del 29 marzo, 5 e 12 aprile dalle 10 alle 12 gli operatori del Ser.T. sono presenti con ACAT, mentre il 29 marzo, con inizio alle 20.30, si tiene l’incontro pubblico dal titolo “Felici di essere liberi”, organizzato da AA a San Polo di Torrile, via Verdi n. 10/1.

Gli operatori del Ser.T. di Fidenza con AA, AL ANON, ACAT sono dalle 10 alle 12 alla Casa della Salute di Busseto il 4 aprile; alla Casa della Salute di Fontanellato il 10; all’Ospedale di Vaio l’11; alla Casa della Salute di San Secondo il 19. Il 7 e 21 aprile dalle 9 alle 12 gli operatori dell’AUSL sono con AA e Al-Anon al Ser.T. di Fidenza.

Alla Casa della Salute di Langhirano, dalle 9 alle 13 gli operatori del Ser.T. sono presenti il 6 con ACAT “Il Volo”; il 13 con ACAT “Appennino Sud Est”; il 20 aprile e il 4 maggio con AA e Al ANON.

Il 27 aprile alle 20, riunione aperta nella sala Avis di via Fermi a Langhirano con gli operatori del Ser.T. e Al-Anon.

Alla Casa della Salute di Bedonia, dalle 9.30 alle 12, il 10 gli operatori del Ser.T. sono presenti con i gruppi di auto mutuo aiuto di AA ed Ala-non. Alla Casa della Salute di Medesano, gli operatori del Ser.T. sono presenti il 13 dalle 9.30 alle 12 con ACAT e il 27 con di AA ed Ala-non.

Con i più giovani il 27 aprile dalle 9.30 alle 12.30 al Teatro Magnani di Fidenza si tiene l’incontro con gli studenti che hanno partecipato alle attività di prevenzione dall’abuso di alcol e altre dipendenze patologiche, con la presentazione e premiazione dei lavori fatti dai ragazzi insieme agli insegnanti.

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *