28 Febbraio 2017

Affrontare la paura con i colori, due quadri per l’Ospedale dei Bambini

Affrontare la paura con i colori, due quadri per l’Ospedale dei Bambini

Il pittore Riccardo Franchini dona due tele al reparto di Pediatria d’Urgenza


“Quando mio figlio era piccolo preferivo raccontargli le storie attraverso i colori e una tela piuttosto che leggergli le favole. Dipingevo per lui. E così è nato, tra gli altri, il Bambino nascosto nel bosco che ha paura della puntura dove, tra le radici di un albero secco, spuntano due occhietti nel buio di una tana”. A spiegarlo è lo stesso Riccardo Franchini, che ha voluto donare il suo quadro, servito per raccontare al figlio la paura, al reparto di Pediatria d’Urgenza dell’Ospedale dei Bambini.

Accanto a questa, anche una seconda tela, dal titolo Sospensione, che parla dell’accoglienza di una madre migrante con il suo bambino in un porto italiano. “Sospensione perché la barca è sospesa tra cielo e terra ma soprattutto sospesa tra un passato dal quale fuggire e un futuro alquanto incerto che li attende” – ha chiarito l’autore.

“La cura delle persone passa anche attraverso la cura degli ambienti” – ha dichiarato il direttore generale dell’Azienda Universitaria Ospedaliero Massimo Fabi, che ha voluto appendere, dunque, i due quadri nella sala d’attesa del reparto.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *