3 Gennaio 2017

Dopo 35 anni niente Befana Avis al Palazzetto dello Sport

Da / 3 anni fa / news / Nessun commento
Dopo 35 anni niente Befana Avis al Palazzetto dello Sport

L’evento, che ogni anno attirava tantissimi bambini, è stato cancellato per motivi economici


Sarà un’Epifania molto diversa quella che si apprestano a vivere decine e decine di bambini e famiglie parmigiane che non potranno partecipare ad un evento che ha caratterizzato l’infanzia di tanti abitanti della città. La Befana Avis, infatti, il 6 gennaio, non sarà al Palazzetto dello Sport, l’evento è stato cancellato. Alla base di questa difficile e sofferta decisione presa dal consiglio dell’Avis comunale c’è la mancanza dei fondi necessari per organizzare una giornata del genere. Se – come spiegano i vertici dell’associazione – l’anno scorso al loro fianco si schieravano sponsor, partner che garantivano il regolare svolgimento della manifestazione, quest anno sono venuti a meno, e mancano le garanzie economiche.

Un altro motivo, non da meno, che ha spinto l’Avis a non ripetere questa giornata, è stata la notevole diminuzione di persone che l’anno scorso hanno partecipato rispetto alle altre edizioni. Se, fino a qualche anno fa, la Befana attirava al Palaraschi 5000-6000 persone, nell’ultima edizione sono state solamente circa 1500 le famiglie che si sono recate al Palazzetto dello Sport cittadino, una diminuzione notevole rispetto al continuo aumento dei costi. Aumento che aveva portato a ridimensionare lo spettacolo, rinunciando di tanto in tanto a spettacoli che animavano l’iniziativa. Il motivo di tale perdita di famiglie può essere attribuito alla concomitanza di altri eventi che sempre di più stanno prendendo piede in città in una giornata di festa soprattutto per i più piccoli.

Sicuramente ci saranno altre iniziative per cui i bambini potranno svagarsi e ricevere doni e dolci, ma quello che è certo è che Parma ha perso un evento storico per la sua città, un evento che ogni anno offriva un modo per stare in compagnia e divertirsi insieme in una cornice sicuramente, oltre che grande e spaziosa, anche aggregativa come il Palazzetto dello Sport.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *