12 ottobre 2017

A tre anni dall’alluvione…si torna sui luoghi colpiti

Da / 2 settimane fa / Città / Nessun commento
A tre anni dall’alluvione…si torna sui luoghi colpiti

Venerdì 13 e sabato 14 ottobre, due giorni di eventi in occasione del terzo anniversario dell’esondazione del Baganza.


Due giornate per ricordare l’esondazione del torrente Baganza. A tre anni dall’alluvione che ha messo in ginocchio alcune aree della città, Aipo (L’Agenzia Interregionale per il fiume Po) organizza l’evento “Sicurezza dalle piene nel nodo idraulico Parma e Colorno. Progetti e realizzazioni nel terzo anniversario dell’esondazione del torrente Baganza”.

L’appuntamento è per venerdì 13 e sabato 14 ottobre e l’attenzione si concentrerà soprattutto sul progetto di cassa di espansione del torrente Baganza e sugli interventi realizzati e programmati lungo il corso d’acqua.

Il primo evento in programma è il convegno che avrà luogo venerdì 13 ottobre, dalle ore 10 alle ore 13, presso il Cinema Astra, in piazzale Volta. Interverranno l’Assessore regionale dell’Emilia Romagna alla difesa del suolo e protezione civile, Paola Gazzolo; il Sindaco di Parma, Federico Pizzarotti; il Segretario generale dell’Autorità di bacino distrettuale del fiume Po, Meuccio Berselli; il Direttore di AIPo, Bruno Mioni ed il Dirigente dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e protezione civile, Francesco Capuano.

Nel pomeriggio di venerdì 13 ottobre, dalle 15 alle 18.30, e nella mattina di sabato 14 ottobre dalle 9.30 alle 13, presso il Centro giovani Montanara di via Pelicelli, è previsto un “Open Day” in cui i cittadini potranno informarsi direttamente sul progetto di cassa di espansione del Baganza e su altri interventi idraulici.

Nella mattinata di sabato 14 ottobre, dalle 10 alle 13, sarà inoltre aperta al pubblico la cassa di espansione del torrente Parma, a Marano, in via Giovanni Masi. Sarà possibile conoscere da vicino un’opera idraulica di fondamentale importanza per la città di Parma che anche nel 2014 ha contenuto la piena del torrente Parma, concomitante a quella del Baganza, evitando così l’allagamento del centro storico di Parma e di Colorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.