11 gennaio 2018

Tornano le “pietre d’inciampo”: Parma ricorda le vittime del nazifascismo

Tornano le “pietre d’inciampo”: Parma ricorda le vittime del nazifascismo

Piccoli sampietrini d’ottone dedicati a Giorgio Nulla Foà, Renzo Mosé Levi, Ulda Camerini e Giuseppe e Sergio Barbieri


 

Anche quest’anno Parma si ornerà di “pietre d’inciampo”. Sabato 13 gennaio, dalle ore 16, in Piazza Garibaldi, l’artista Gunter Demnig poserà 5 “pietre” dedicate a Giorgio Nulla Foà, Renzo Mosé Levi, Ulda Camerini, a Giuseppe e Sergio Barbieri, vittime del nazifascismo.

Un progetto per ricordare, non dimenticare. Così, per il secondo anno consecutivo, dei piccoli sampietrini d’ottone verranno sistemati in modo da sporgere dall’asfalto. Segneranno i luoghi dove abitavano o lavoravano (e da dove sono state arrestate e deportate) le vittime della persecuzione fascista e nazista

La cerimonia inizierà da Piazza Garibaldi, con la posa della “pietra” per Nullo Foà, per proseguire alle 17 in via Cavallotti 30, davanti all’abitazione di Renzo Mosè Levi, per continuare alle 17.30 in viale delle Rimembranze 36 per l’abitazione di Giuseppe e Sergio Barbieri e concludersi, poi, con la posa per Ulda Camerini in via Duca Alessandro 60.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.