27 luglio 2017

Siccità, riduzione dei prelievi nel Po. Ma non in Emilia Romagna

Siccità, riduzione dei prelievi nel Po. Ma non in Emilia Romagna

In tutte le regioni del Nord la misura è scattata da mercoledì 26 luglio, mentre nella nostra regione sarà applicata dal 31 luglio al 3 agosto


Riduzione dei prelievi di acqua dal Po a partire da mercoledì 26 luglio in tutte le Regioni del Nord: fa eccezione l’Emilia-Romagna, dove la misura si applicherà solo da lunedì 31 luglio e fino al 3 agosto.

È quanto è stato condiviso martedì 25 luglio nella riunione dell’Osservatorio permanente sugli usi idrici che ha analizzato l’andamento delle portate del fiume. La misura avrà appunto efficacia fino al prossimo 3 agosto, quando è prevista una riunione di aggiornamento per verificare l’evolversi della situazione.

“La stretta pari al 5% dei quantitativi di risorsa idrica annuali concessi sarà differenziata: in Emilia-Romagna sarà per le sole derivazioni più grandi del Po e avrà efficacia posticipata dalla prossima settimana, nelle altre Regioni riguarderà anche i suoi affluenti e sarà operativa già da mercoledì”, spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo. “L´Osservatorio voluto dal Governo sta svolgendo un ruolo di presidio prezioso”, continua. “La decisione assunta permetterà di mantenere un obiettivo per noi irrinunciabile, condiviso con le altre Regioni: conservare la portata del Po sopra a 450 metri cubi al secondo a Pontelagoscuro. Si tratta di una soglia di garanzia per le necessità idropotabili delle province di Ferrara e Ravenna, per la nostra agricoltura da Reggio Emilia al mare, nonché per contrastare l’aumento della salinità delle acque del Po”.

Già da mercoledì 26, Arpae effettuerà una campagna di misurazioni del cuneo salino nel Delta del Po. Ad oggi, la stima della portata media giornaliera a Pontelagoscuro è di 513 metri cubi al secondo. Le altre stazioni di controllo presenti lungo il corso d’acqua segnano 318 metri cubi al secondo a Piacenza e 449 a Boretto.

Siccità: l’Emilia-Romagna non rischia il razionamento dell’acqua

Al momento, i casi di rifornimento idropotabile tramite autobotti sono limitati ad alcuni comuni delle province di Parma, Piacenza e Bologna.

0 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.