18 maggio 2017

Pronto soccorso, donate quattro sedie a rotelle

Da / 2 settimane fa / Curiosità / Nessun commento
Pronto soccorso, donate quattro sedie a rotelle

Donazione della famiglia Ferilli, con Parma club e la famiglia Giordano, in ricordo di Nicolò, scomparso oltre tre anni fa


Da un incidente stradale alla donazione di quattro sedie a rotelle al Pronto soccorso per ringraziare i professionisti della vicinanza e del sostegno. Si forma così da un’esperienza difficilissima la rete della solidarietà che la famiglia Ferilli ha tessuto attorno al presidio di prima urgenza del Maggiore, avvicinando all’Ospedale il capitano del Parma Alessandro Lucarelli e la famiglia Giordano, titolare del ristorante pizzeria Tramonti, che si sono uniti allo sforzo della famiglia fino a arrivare ad acquistare quattro sedie a rotelle da mettere a disposizione del reparto e dei pazienti.

Oltre a Lucarelli, al momento della consegna, erano presenti Beatrice e Andrea, mamma e fratello di Nicolò, Augusto Solinei, presidente del Parma Club Lucarelli, e il personale del pronto soccorso, rappresentato dal dottor Nicola Fabiano, che ha portato il saluto del direttore del Pronto Soccorso Gianfranco Cervellin, da Catia Caleffi, del dipartimento di Emergenza-Urgenza e dalla coordinatrice infermieristica Maria Mannarino.

Nicolò Ferilli, prematuramente scomparso in un tragico incidente stradale tre anni e mezzo fa, era infatti un accanito tifoso del Parma Calcio. “Vogliamo esprimere un ringraziamento forte a tutti i professionisti del Pronto Soccorso del Maggiore – ha dichiarato Beatrice, la mamma di Nicolò – perché, in momenti così complessi, avere qualcuno che esprime vicinanza aiuta profondamente lo spirito”. “Porto il merito di un club che ha cercato di trasformare il dolore in beneficienza, nonostante lo strazio che l’esperienza porta con sé”, ha dichiarato da parte sua Alessandro Lucarelli, del Parma club, al momento della consegna che ha visto partecipi alcuni professionisti del Pronto soccorso, uniti alla famiglia da un’amicizia affettuosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.