12 aprile 2017

PlumeStars, la start up parmigiana partner del progetto europeo Cupido

PlumeStars, la start up parmigiana partner del progetto europeo Cupido

Finanziato dall’Unione Europea, mira a creare una terapia innovativa basata su nanotecnologie farmaceutiche dirette al distretto cardiovascolare


Si chiama PlumeStars la start up parmigiana, fondata da docenti del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma, scelta insieme ad altri 18 partner per entrare a far parte del progetto Cupido, il cui obiettivo è quello di creare una terapia innovativa basata su nanotecnologie farmaceutiche dirette al distretto cardiovascolare.

Cupido si prefigge di sviluppare nanoparticelle di farmaco da somministrare per inalazione che, con un semplice respiro, possono trasportare l’agente terapeutico direttamente al cuore malato.

L’utilizzo di questo sistema terapeutico può davvero rivoluzionare la farmacoterapia cardiovascolare, diventando il primo approccio terapeutico non invasivo e specifico per il cuore.

Nonostante i numerosi passi avanti fatti dalla medicina in questo ambito, infatti, le terapie convenzionali sono ancora poco efficaci. Critici sono, ad esempio, i metodi di somministrazione comunemente utilizzati, come la via orale o endovenosa, che permettono alla dose di farmaco di raggiungere il cuore dopo distribuzione nel circolo sanguigno, causando effetti collaterali e limitandone l’efficacia.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.