14 settembre 2018

Il panorama degli appuntamenti turistici di settembre, ottobre e novembre

Il panorama degli appuntamenti turistici di settembre, ottobre e novembre

Tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, sono numerose le manifestazioni dedicate al gusto


Il bello di un’area come quella compresa tra le province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia è che non conosce il concetto di stagionalità ma, piuttosto, valorizza i colori e i profumi di ogni stagione, cambiando forma e aspetto nei vari periodi dell’anno per offrire sempre nuovi spunti a chi è alla ricerca di un turismo diverso o di una fuga dalla quotidianità che non tenga conto dei confini convenzionali della geografia scolastica. Destinazione Turistica Emilia, cuore della Food Valley italiana, è un esempio di come la fine delle vacanze estive possa diventare l’inizio di un’inedita occasione per avventurarsi fuori dalle rotte segnalate sull’atlante delle ferie e delle festività, attraverso i sapori d’autunno che ispirano una miriade di sagre ed eventi culinari organizzati in contesti sorprendenti, tanto per il palato quanto per il cuore.

Settembre

A cavallo tra gli ultimi scampoli d’estate e l’inizio dell’autunno, gli appuntamenti conclusivi della nona edizione del Valtidone Wine Fest, la più grande rassegna del vino piacentino, avranno per teatro Nibbiano il 16 e Pianello Valtidone il 23 settembre. Gli appassionati di note e bouquet hanno ancora due possibilità per riempire i calici di Ortrugo, Gutturnio, Malvasia e Passito, arricchendo la degustazione con prodotti tipici, concerti, eventi, pacchetti turistici e visite guidate in un suggestivo contesto di borghi e panorami incantati.

Nel capoluogo di provincia, Piazza dei Cavalli è invece la suggestiva cornice di Piacenza è un mare di sapori, che venerdì 28 e sabato 29 settembre riversa in città un’onda di eventi pensati per celebrare l’anno del Cibo Italiano. Dal Tramonto DiVino alle Lezioni Gusto, la manifestazione è un’occasione unica per degustare i prodotti DOP e IGP dell’Emilia Romagna, accompagnati dai migliori vini del territorio regionale. Infine, sempre entro i confini di quella che Leonardo da Vinci descriveva come “terra di passo”, la Coppa d’Oro giunge alla sua undicesima edizione con lo stesso obiettivo di sempre: fare apprezzare i salumi piacentini a denominazione di origine tutelata a una platea nazionale, valorizzando nel contempo le eccellenze della zona. Il 27 settembre, alle 18:30, il Palazzo Gotico diventa il teatro della premiazione, preceduta da una tavola rotonda sulla grande tradizione italiana, le grandi imprese sportive, il patrimonio artistico e il genio nostrano nel mondo.

Scendendo verso Parma, nei weekend del 15 e del 22 settembre, la Fiera del Fungo di Borgotaro (PR) propone una lussuosa edizione che promette di riempire lo stomaco ma anche gli occhi e le orecchie, con degustazioni, cooking show, mostre, spettacoli di musica itinerante e giochi. Contrassegnato dal 1993 con il marchio IGP, il fungo di Borgotaro è unanimemente considerato un prodotto superiore rispetto agli altri porcini. La sua festa richiama ogni anno appassionati da ogni parte d’Italia e migliaia di cercatori affezionati ai boschi del comprensorio.

Il 22, il 23, il 29 e il 30 settembre, è invece un’altra regina della terra a ritagliarsi un ruolo da protagonista nel tripudio delle sagre dei sapori d’autunno. Con un ricettario sterminato, la zucca è uno degli ingredienti base della cucina della Bassa reggiana. La Fiera della Zucca di Reggiolo (RE) rappresenta dunque una grande opportunità per scoprirne le svariate declinazioni gastronomiche, all’interno di un programma di degustazioni che include però anche sfilate storiche, tornei cavallereschi e spettacoli folkloristici. Il 29 e il 30 settembre, il centro storico di Reggio Emilia – tra Piazza della Vittoria, Piazza Martiri del 7 luglio e piazza Prampolini – sarà infine interessato dalla sfilata dell’AgriPride, meeting dedicato ai temi dell’agricoltura, dell’alimentazione e dell’ambiente, che propone una “food immersion” nella tradizione enogastronomica reggiana, attraverso un corteo di eventi, show cooking, degustazioni di prodotti del territorio emiliano, mostra di animali in piazza della Vittoria e un viaggio alla scoperta dell’erbazzone, dalla tradizione alle rivisitazioni gourmet.

Ottobre

Il primo fine settimana di ottobre è il trampolino di lancio per entrare in un autunno di sapori che non può dirsi davvero cominciato senza la tradizionale Festa delle Castagne e dei Ricordi di Castell’Arquato (PC), vero e proprio faro puntato sull’atmosfera e sul gusto di un passato che affonda le radici nella cultura contadina. Anche quest’anno, sabato 6 e domenica 7 ottobre, il borgo del piacentino apre le proprie porte a migliaia di visitatori e di turisti dei piaceri di una tavola imbandita in onore della castagna, preparata come bastürnon e abbrustolita al momento su grandi bracieri alimentati a legna o presentata nella forma della patona, il tipico castagnaccio. La rassegna propone inoltre degustazioni di vini dei colli piacentini ma anche un contorno fuori dal piatto, con l’imperdibile esposizione dei trattori d’epoca, sfilate, prove di abilità, rievocazioni di vecchi mestieri e spettacoli.

Sempre nei giorni 6 e 7 ottobre, ma risalendo verso Piacenza, Frutti Antichi al Castello di Paderna (PC) rimette al centro della festa le piante, i fiori e i frutti dimenticati ma anche una selezione di prodotti di alto artigianato. La manifestazione vuole essere un’occasione di incontro per chi è affascinato dalla ricerca e dalla salvaguardia delle essenze antiche o temporaneamente uscite dalla memoria ma anche un suggestivo momento di celebrazione della biodiversità che richiama ogni anno migliaia di visitatori e centinaia di espositori.

Il 5, il 6 e il 7 ottobre 2018, spegne 23 candeline la Fiera Nazionale del Fungo Porcino di Albareto (PR), la più importante manifestazione italiana incentrata sul protagonista assoluto del sottobosco. Appuntamento fisso dell’autunno dal 1996, la rassegna è un’occasione per avventurarsi in un profumato regno enogastronomico, scoprendo contemporaneamente un territorio come quello dell’Appennino Parmense, palcoscenico d’eccezione di spettacoli ed eventi a tema porcino e non solo.

Scivolando invece verso sud, ancora nel weekend del 6 e del 7 ottobre, è possibile imbattersi nel Campionato Mondiale del Fungo, organizzato a Cerreto Laghi (RE) in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. L’evento è una sorta di tutto il fungo minuto per minuto, olimpiade naturalistica e gastronomica suddivisa in specialità quali ricerca, raccolta, studio, racconto, fotografia e, ovviamente, cucina. Ad animare la gara – che richiede la partecipazione obbligatoria alla serata formativa del 6 ottobre – è il desiderio di incentivare il rispetto dell’ambiente e la corretta conoscenza del mondo dei funghi.

La 54esima Festa della Castagna di Marola (RE) – che quest’anno conquista le domeniche del 7, del 14 e del 21 ottobre – ha accresciuto la propria fama mantenendo intatto lo spirito della prima edizione e la qualità di un prodotto di altissimo livello. Il simbolo della manifestazione è lo scenografico padellone da record, che – seppur pronipote di quello delle origini – continua a stupire per l’indefessa attività al servizio della causa, mentre tutto intorno le iniziative si moltiplicano, tra gite guidate nei castagneti secolari e appuntamenti per bambini.

Novembre

Il 24 e il 25 novembre 2018, il Mercato dei Vini e dei Vignaioli Indipendenti porta ai saloni di Piacenza Expo (PC) centinaia di produttori ma soprattutto di esperienze che parlano di ostinazione, autonomia e questioni di principio legate all’idea di seguire completamente il processo che dall’acino conduce alla bottiglia. In programma, degustazioni da abbinare a specialità gastronomiche provenienti da diverse regioni italiane.

Tra la metà di ottobre e quella di novembre, la Festa del Tartufo Nero di Fragno trasforma la piccola frazione di Calestano (PR) in un’autentica capitale del diamante della terra. Per sette domeniche consecutive, quello che è uno dei profumi caratteristici dell’autunno diventa l’aroma di fondo di una manifestazione dal programma ramificato, inclusivo di fiere-mercato, convegni e conferenze, esposizioni con vendita di prodotti tipici, arte di strada e musica nei borghi. Inutile dire che il clou è rappresentato dai tanti menu a tema proposti dai ristoranti del luogo.

Lasciandosi trasportare dal richiamo del tubero, si giunge infine a Cavola, frazione di Toano (RE), dove l’11 e il 18 novembre 2018 va in scena la 30esima edizione della Festa del Tartufo. Tra bancarelle di artigianato locale e stand gastronomici, la piazza della piccola Alba Reggiana diventa il centro di una mostra mercato dove acquistare e assaggiare anche funghi, salumi e lambrusco della zona, Parmigiano, pecorino, caldarroste e vin brulé. Il clima di festa si estende naturalmente anche ai ristoranti del paese, che adeguano i loro menu allo spirito dell’evento.

Piacenza

Per info: Destinazione Turistica Emilia – Iat di Piacenza.

Tel. 0523 492001.

E-mail: iat@comune.piacenza.it

Parma

Per info: Destinazione Turistica Emilia – Iat di Parma.

Tel. 0521 218889.

E-mail: turismo@comune.parma.it

Reggio Emilia

Per info: Destinazione Turistica Emilia – Iat di Reggio Emilia.

Tel. 0522 451152.

E-mail: iat@municipio.re.it

Per informazioni: Destinazione Turistica Emilia

Reggio Emilia – Parma – Piacenza

Viale Martiri della Libertà, 15 – 43123 Parma

Tel. 0521 931634

E-mail: dtemilia@provincia.parma.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.