20 aprile 2017

Omicidio di via Gobetti: il pusher fu schiacciato e trascinato da un auto

Da / 6 mesi fa / Il fatto / Nessun commento
Omicidio di via Gobetti: il pusher fu schiacciato e trascinato da un auto

Dall’autopsia effettuata sul corpo di Thankgod Omonkhegbele, ucciso da Luca Vescovi nella notte dell’1 novembre emerge che lo spacciatore sarebbe stato travolto dalla macchina e poi trascinato per la strada


E’ una versione dei fatti molto diversa dalla testimonianza del colpevole del fatto Luca Vescovi quella che emerge dall’autopsia effettuata sul corpo della vittima che ha perso la vita durante la sera dell’1 novembre in seguito alla vendita di una dose di cocaina in via Gobetti. Vescovi il giorno seguente al fattaccio, trovato subito dai Carabinieri, aveva raccontato di essere andato dallo spacciatore in compagnia di un amico per acquistare un piccolo quantitativo di cocaina quando ad un certo punto Thankgod avrebbe iniziato a minacciarlo insieme anche ad altri pusher presenti nel luogo. A quel punto punto il ragazzo avrebbe cercato la fuga ma il pusher si sarebbe attaccato alla sua felpa, finendo per morire in circostanze molto sospette.

La versione dell’autopsia invece è molto diversa, le fratture del cranio, delle vertebre e del bacino sul corpo dell’extracomunitario e le macchie verdi sui suoi vestiti indicherebbero che l’uomo sarebbe stato investito dalla Punto di Vescovi e in seguito trascinato lungo la strada fino alla sua morte. Si complica molto dunque la posizione del parmigiano residente a Poviglio, viene infatti molto rinforzata l’ipotesi di omicidio intenzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.