10 gennaio 2018

Nasce RegioAteneo, l’abbonamento per gli studenti universitari

Nasce RegioAteneo, l’abbonamento per gli studenti universitari

Sei spettacoli da scegliere tra gli appuntamenti di Opera, Danza, Concerti della Stagione 2018 a 60 euro. Dal 9 gennaio presso la Biglietteria del Teatro Regio


Nasce RegioAteneol’abbonamento riservato agli studenti universitari. Dal 9 gennaio 2018 presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma e fino a esaurimento posti, gli studenti iscritti all’Università potranno comporre liberamente il proprio abbonamento, scegliendo 6 spettacoli tra gli appuntamenti della Stagione Lirica, Concertistica e ParmaDanza 2018, che potranno acquistare a 60 euro.

Gli abbonati a RegioAteneo avranno inoltre diritto a una riduzione nell’acquisto dei programmi di sala e degli articoli in vendita presso il bookshop del Teatro e sulle consumazioni al Gran Caffè del Teatro.

Ciascuno studente potrà acquistare un massimo di 2 abbonamenti mostrando, all’atto dell’acquisto presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma, un documento che attesti l’iscrizione all’anno accademico in corso (ricevuta di versamento della tassa universitaria, Student Card o libretto universitario). L’abbonamento non è nominale, ma può essere ceduto solo ad altri studenti universitari; controlli a tal fine potranno essere effettuati da parte del personale di sala.

Gli abbonati a RegioAteneo 2018 potranno esercitare il diritto di prelazione e acquistare l’abbonamento a RegioAteneo 2019 nei termini che verranno successivamente indicati.

La Stagione Lirica del Teatro Regio di Parma è nel segno del melodramma italiano con Rigoletto e La traviata di Giuseppe Verdi, Roberto Devereux di Gaetano Donizetti e Tosca di Giacomo Puccini, con protagonisti, tra gli altri, Leo Nucci che festeggia i 50 anni di carriera, Mariella Devia, Anna Pirozzi, Stefan Pop, Sonia Ganassi, Andrea Carè. Sei gli appuntamenti della Stagione Concertistica con David Garrett, Beatrice Rana, András Schiff, Katia e Marielle Labèque, Stefano Bollani Danish Trio, Ilya Gringolts e l’omaggio a Ildebrando Pizzetti nel 50° anniversario della morte. Sette gli appuntamenti di ParmaDanza con Sergei Polunin e Natalia Osipova, la Compagnia Junior Balletto di Toscana, Eleonora Abbagnato, Complexions, il Balletto di Milano ed Evolution Dance Theater.

«Siamo particolarmente lieti della nuova opportunità che il Teatro Regio di Parma offre agli studenti della nostra Università grazie all’abbonamento RegioAteneo» – commenta soddisfatto il Rettore Paolo Andrei«Riteniamo importante ampliare le possibilità culturali che vengono offerte ai nostri studenti, nell’ottica di un percorso di crescita globale che va oltre il tempo trascorso all’interno delle aule universitarie; inoltre con questa proposta rafforziamo la collaborazione tra Ateneo e Teatro Regio, una collaborazione già attiva in varie forme tra due istituzioni culturali fondamentali per il nostro territorio».

«Con la presentazione dell’abbonamento RegioAteneo – osserva l’Assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra – continua la decisa campagna di apertura e di inclusione della Fondazione Teatro Regio. Parma è una città universitaria e deve garantire a chi si forma qui la possibilità di partecipare attivamente alla vasta offerta culturale dispiegata sul nostro territorio. Avremo così non solo studenti che potranno apprezzare il livello degli spettacoli che il Teatro Regio porta in cartellone, ma cittadini più consapevoli del contesto culturale in cui operano e cui apportano un contributo di vita, energia e freschezza intellettuale che dobbiamo, con tutto il nostro impegno, rendere possibile ed agevole».

«Crediamo non solo nell’importanza di un pubblico giovane ma anche di un’energia giovane, che vogliamo valorizzare e contribuire a far crescere – dichiara Anna Maria Meo, Direttore generale del Teatro Regio di Parma. In quest’ottica il Teatro Regio ha recentemente siglato un’importante convenzione con il Capas, il Centro per le Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo, istituito e diretto da Luigi Allegri, con cui già da tempo collaboriamo. Con RegioAteneo il Teatro aggiunge una nuova e importante opportunità per portare l’opera, la musica, la danza al pubblico degli studenti universitari, offrendo loro l’occasione di partecipare alla vita del Teatro, alle sue iniziative e ora, ad un prezzo particolarmente ridotto, anche agli spettacoli che da gennaio a giugno animeranno il palcoscenico del Teatro Regio di Parma e del Teatro Giuseppe Verdi di Busseto. RegioAteneo si aggiunge infatti all’offerta dedicata al pubblico degli Under 30, ai quali sono confermate le riduzioni al 50% dei biglietti della Stagione 2018».

«Sono felice di questa rinnovata collaborazione con il Teatro Regio di Parma – afferma Luigi Allegri, Direttore del  Centro per le Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo dell’Università. Le attività extra e para-curriculari in ambito artistico, culturale e della comunicazione hanno grande importanza nella formazione e nella crescita personale degli studenti. Anche chi non praticherà professionalmente qualche attività artistica, sarà comunque più completo nello sviluppo della sua personalità e riuscirà probabilmente meglio anche nella sua professione avendo avuto la possibilità di stimolare la propria creatività. In questa prospettiva, per quanto riguarda l’ambito del teatro e della musica, fanno parte del CAPAS anche il Coro “Ildebrando Pizzetti”, l’Orchestra Universitaria, i gruppi di musica pop e jazz, il CUT, che si vanno ad aggiungere alle già numerose altre attività del Centro».

 «I giovani universitari vivono il Regio da protagonisti, in molti modi e in diverse occasioni – dichiara Barbara Minghetti, Consulente per lo sviluppo e i progetti speciali del Teatro Regio: da artisti sul palcoscenico dei concerti di Tracks, nella ideazione e realizzazione di diversi videoclip per il pubblico under30 realizzati dal Cut, nei servizi giornalistici di ParmAteneo, nei programmi radiofonici di RadiorEvolution, come spettatori speciali delle premiere d’opera nelle serate a loro riservate. RegioAteneo rappresenta una nuova occasione per allargare ulteriormente questo abbraccio e fare sempre più del Teatro Regio un luogo dove incontrarsi ed emozionarsi, dove sperimentare e confrontarsi, per crescere e divertirsi assieme».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.