6 giugno 2017

Legionella: più controlli e sicurezza in Emilia-Romagna

Legionella: più controlli e sicurezza in Emilia-Romagna

Mappatura degli impianti a rischio, disposizioni più restrittive per le disinfezioni, rafforzamento delle misure di prevenzione


Più disinfezioni e accurate mappatura degli impianti a rischio, nonché indicazioni precise per la progettazione, costruzione e gestione degli impianti idro-sanitari e aeraulici. Dopo i diversi casi di legionella registrati nel 2016, la Regione Emilia-Romagna delibera nuove linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi.

In Emilia-Romagna, nel periodo 2012-2016, i casi segnalati in media ogni anno sono stati oltre 200 contro i 100 del quinquennio precedente. Nel 2016, in particolare, è stato registrato il numero di segnalazioni più alto: 290 casi. L’aumento è riconducibile a una maggiore sensibilità diagnostica, a una maggiore “suscettibilità” della popolazione e, molto probabilmente, anche a un aumento di Legionella nell’ambiente.

Nel nuovo documento si dà particolare enfasi all’importanza che tutte le strutture con impianti a rischio effettuino periodicamente la Valutazione del rischio. Si tratta, cioè, della valutazione finalizzata ad acquisire le conoscenze sulle criticità degli impianti, e il possibile impatto che potrebbero avere sulla salute umana, identificando le misure per ridurre o contenere il rischio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.