9 maggio 2016

Videoinchiesta UN BUCO NELL’ACQUA


A inizio anno il Comune ha brindato alla distribuzione record di 40 mila litri d’acqua pubblica erogati nel solo mese di gennaio 2016. Ma sono davvero tanti per una città di quasi 200 mila abitanti? E quanti ne distribuiscono comuni ben più piccoli del nostro?


Si brinda al successo in Comune. L’acqua del sindaco sembra piacere ai parmigiani, tanto che sono i suoi stessi uffici, a comunicare, che con il nuovo anno c’è stato un consistente cambio di passo e si è passati dall’erogare 10.000 litri nel mese di dicembre scorso ai 40.000 nel corso del solo mese di gennaio 2016. Un risultato raggiunto grazie a un forte investimento. Al chiosco del Bizzozero, infatti, nel settembre del 2015 si sono aggiunte le fontane di piazzale Pablo, Via Barilla e Parco Daolio e nel dicembre 2015 quella di Corcagnano.

E questo perché la distribuzione di acqua pubblica è considerata una priorità, infatti riduce la produzione di bottiglie di plastica e incentiva un consumo km 0, per questo il Comune decide di installare cinque distributori in città, per ottenere un risultato più importante della media di altre città, meno sensibili all’impatto ambientale.

Ma i risultati che oggi otteniamo a Parma, sono da considerarsi buoni, ottimi o mediocri? Sono tanti 40 mila litri di acqua pubblica erogata in un mese per una città di quasi 200 mila abitanti? E soprattutto, quanta acqua ha erogato fino ad oggi l’amministrazione che ha portato negli asili la brocca al posto delle bottigliette di minerale? E come va, invece, nei paesi vicini?

Per scoprire tutti i dati guarda la videoinchiesta!

Da / 1 anno fa / Videoinchieste /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.