5 gennaio 2016

Inceneritore. A Parma l’80% dei rifiuti di Reggio

Inceneritore. A Parma l’80% dei rifiuti di Reggio

La Regione ha deciso. Folli: “Tutto questo contrasta con quanto deliberato in Comune e Provincia”


La giunta della Regione Emilia-Romagna si appresta ad approvare il nuovo Piano regionale di gestione dei rifiuti.

Nel Polo ambientale integrato di Parma, secondo quanto prevede attualmente il piano, nel 2016 e 2017 verrebbe smaltito e trattato l’80% dei rifiuti indifferenziati provenienti da Reggio, confluendo nell’inceneritore di Ugozzolo dopo un primo trattamento meccanico che si svolgerà direttamente sempre a Parma. Il restante 20%, invece, sarebbe destinato a Novellara. L’obiettivo da perseguire sembra essere la riduzione del numero di discariche e inceneritori sul territorio, preservando il nuovo e funzionale impianto di Ugozzolo. Unica vittoria (se così può essere definita) per Parma, la possibilità di bloccare a 130mila tonnellate annue la portata del termovalorizzatore, evitando di raggiungere le 195mila tonnellate previste.

La vera novità, che potrebbe portare un minimo sollievo ai parmigiani, consiste nel fatto che saranno smaltiti meno rifiuti speciali e più rifiuti solidi urbani, con la possibilità di veder calare, anche se timidamente, i costi in bolletta. Si va nella direzione di costi di smaltimento in bolletta uguali per tutti? Così sembra, o così vogliono far credere. Intanto Azzali, sindaco di Mezzani e rappresentante dei Comuni parmensi nel Consiglio d’ambito di Atersir, precisa che non bisogna pensare a eventuali drastiche riduzioni di costi in bolletta, ma solo a una piccola percentuale.

Nel frattempo, Folli si arrabbia e spiega che l’arrivo dei rifiuti reggiani all’inceneritore di Ugozzolo contrasta con quanto deliberato dal Consiglio Comunale e dall’Assemblea dei Sindaci della Provincia. Insomma, l’assessore si dice sicuro di aver fatto tutto il possibile per non deludere i cittadini e si rimette nelle mani dei consiglieri regionali, sperando che, in assemblea, riescano a far valere la linea parmigiana.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.