18 novembre 2015

FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia

FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia
FOTOGALLERY. L’Itis Da Vinci quarto al concorso Bellacoopia

Vincente l’idea degli studenti che hanno simulato una cooperativa, Euromedica, progettando un prototipo di lettino per facilitare la pulizia e lo spostamento di persone allettate


 

Centocinquanta studenti provenienti da tutta la regione si sono dati appuntamento oggi (mercoledì 18 novembre) al Teatro Europa di Parma per sfidarsi sulle loro idee cooperative, grazie al progetto Bellacoopia che ogni anno vede impegnati 1.500 studenti di oltre 50 istituti superiori a livello regionale.
L’evento, organizzato e promosso da Legacoop Emilia-Romagna in collaborazione quest’anno con Legacoop Emilia Ovest, ha fatto competere sul palco le sette classi che si sono aggiudicate le edizioni provinciali nella primavera scorsa.

Per Parma sono arrivati alla finalissima gli studenti dell’Itis Da Vinci con la loro cooperativa Euromedica, con cui hanno ideato e progettato un prototipo di lettino per facilitare la pulizia e lo spostamento di persone allettate. Uno strumento efficiente che insegna come il progresso e l’ingegno umano possano fare la differenza per migliorare la vita di tutti, soprattutto di chi ne ha più bisogno.
I progetti sono stati selezionati da Impronta Etica, Regione Emilia-Romagna e un’esperta del programma Spinner. I criteri di valutazione hanno tenuto conto di diversi aspetti , tra cui sostenibilità ambientale, sociale ed economica; innovatività di prodotto e di processo; innovazione tecnologica; capacità di testimoniare e sensibilizzare sul tema della sostenibilità; partnership pubblico-privata.
Quest’anno l’evento è stato declinato sul “si può fare”, per questo ai progetti finalisti sono stati affiancati giovani cooperatori di successo che hanno realizzato la loro impresa in settori affini e che hanno interagito con i ragazzi consigliando loro come realizzare in concreto l’esperienza di simulazione.
Nel corso della mattina, le classi hanno presentato il proprio progetto imprenditoriale sotto forma di simulazione, piéce teatrale o rappresentazione scenica. In seguito, una giuria di cooperatori professionisti in vari settori hanno stilato la classifica finale: primo l’ITCG Maggi di Sassuolo con la “Save H2O”; secondo l’ITE Salvemini di Casalecchio di Reno con “WoodCoop”; terzo il Liceo delle Scienze Applicate Alberghetti di Imola con “COCCI & Co”; quarto l’ITIS Da Vinci di Parma con “Euromedica”; quinto l’ITC Einaudi di Correggio con “Genos Coop”; sesto l’ISP Olivetti Callegari di Ravenna con “Sheer Coop”; menzione speciale all’IPSC-IIS Levi di Vignola con “Ho detto basta” (contro la violenza di genere).

In palio, come ogni anno, attrezzature per la scuola. A premiarli il presidente di Legacoop Emilia Ovest, Andrea Volta, e il presidente di Legacoop regionale, Giovanni Monti.

La Rete regionale Bellacoopia è la sintesi di un insieme di iniziative che si svolgono da più di un decennio e che si rivolgono al mondo della scuola per promuovere tra le giovani generazioni i valori di mutualità e solidarietà attraverso un percorso di auto-imprenditorialità in forma cooperativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.