3 marzo 2016

Federconsumatori: ora il Comune vuole far cassa anche con la Cosap

Da / 12 mesi fa / Città / Nessun commento
Federconsumatori: ora il Comune vuole far cassa anche con la Cosap

“Multe? Serbatoio di denaro utile a tenere in piedi il bilancio”. PGE chiede il pagamento anche per gli accessi a raso per i quali non è stato richiesto il rilascio del permesso di passo carrabile


Federconsumatori punta il dito contro le casse dell’Amministrazione Comunale. Dopo il boom dei varchi bus e delle relative sanzioni (oltre 57mila in 4 mesi), ora è la volta del regolamento Cosap. L’associazione, infatti, intende inviare un’interrogazione al difensore civico regionale.

Ma andiamo per ordine. Federconsumatori mette in discussione la politica delle entrate attuata dall’amministrazione comunale. Proprio così, perché Parma Gestione Entrata (sì, ancora lei) ha inviato lettere a diversi cittadini chiedendo di pagare il canone Cosap per i passi carrabili cosiddetti a raso di proprietà private con fronte strada, dove non ci sono opere visibili sulla strada o il marciapiede. Il Comune ritiene che debbano pagare tutti coloro che hanno un accesso da cui può entrare e uscire un veicolo indipendentemente dal fatto che il proprietario abbia chiesto o no di pagare il canone Cosap per avere lo spazio antistante l’accesso sgombero da stazionamento veicoli.
Ad alcuni sono stati chiesti i canoni di ben 5 anni, con importi che vanno dai 250 ai 500 euro. Il canone è calcolato in base ai metri lineari occupati dall’accesso sulla strada. Abbastanza semplice la posizione di Federconsumatori: se l’utente non ha richiesto di lasciare libero l’accesso a raso, e dunque non ha richiesto al Comune il rilascio del permesso di passo carrabile, non deve pagare il canone per l’occupazione del suolo pubblico. Ma per PGE non è così.

Tuttavia, l’associazione afferma che sul regolamento Cosap, l’assessore Ferretti si è mostrato disponibile ad ascoltare le loro richieste. Chi avrà la meglio, stavolta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.