16 maggio 2018

Cinque gesti di altruismo per un grande obiettivo: preziosa apparecchiatura per la pediatria d’urgenza

Cinque gesti di altruismo per un grande obiettivo: preziosa apparecchiatura per la pediatria d’urgenza

Lo strumento serve per affrontare e risolvere le crisi respiratorie gravi in pazienti sotto l’anno di età


Ci sono le nonne di Felino che hanno venduto le copertine fatte all’uncinetto, c’è la sposa di maggio che, insieme al fidanzato, ha deciso di destinare la spesa delle bomboniere all’Ospedale dei bambini, c’è il futuro papà che ha pensato agli altri bambini prima del suo in arrivo semplicemente perché “si sentiva di farlo” e, infine, c’è Cinzia Arcari che, coinvolgendo i bambini della Comunità “Il lago di pane”, ha rinnovato il suo sostegno alla Pediatria generale e d’urgenza del “Pietro Barilla”. Insieme hanno coronato il sogno della caposala del reparto, Giuseppina Nicosia, che è così riuscita ad acquistare un’apparecchiatura utile per affrontare e risolvere le crisi respiratorie gravi in pazienti sotto l’anno di età.

Si chiama Airvo 2 e ora ne abbiamo uno in dotazione esclusiva a questo reparto così possiamo intervenire immediatamente sui bambini che ne hanno bisogno – dice Giuseppina Nicosia presentandolo ai donatori riuniti nella sala d’attesa della pediatria d’urgenza. “E’ un’apparecchiatura indispensabile per l’astanteria pediatrica – continua il direttore del Dipartimento materno-Infantile Gianluigi de’ Angelis ringraziando la sensibilità dei presenti è facile da utilizzare per il personale ed è facile da sopportare per i piccoli pazienti”.

Al loro fianco la responsabile assistenziale del dipartimento Rita Dicembrino, il direttore del reparto di Pediatria generale e d’urgenza Icilio Dodi e il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-Universitaria Massimo Fabi che ha sottolineato l’importanza del gesto: “Un grazie a nome dei colleghi e del personale infermieristico che è il tessuto connettivo tra medici e pazienti. Con la vostra attenzione avete dimostrato che l’ospedale è un patrimonio comune da tutelare insieme”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.