25 dicembre 2016

Caso doping Schwazer, deciderà il Ris di Parma

Caso doping Schwazer, deciderà il Ris di Parma

Il maratoneta fermato prima delle Olimpiadi ha parlato di complotto, ora le analisi che stabiliranno la verità


La verità si saprà a gennaio e a decidere sarà il Ris di Parma, al quale è stato affidato l’esame del test del Dna sulle urine di Alex Schwazer, coinvolto in un possibile secondo caso di doping determinato da un’eccessivo valori di testosterone. A seguito di questo il maratoneta fu squalificato per otto anni per recidività e fu estromesso dalle Olimpiadi di Rio.

Ma questa volta l’atleta contestò il controllo e ha parlò subito di un complotto inaccettabile. A seguito della denuncia, le provette dell’urina conservate nel laboratorio antidoping di Colonia, sono state sequestrate con rogatoria internazionale della Procura di Bolzano. L’esame del Dna è stato richiesto da Schwazer , che sostiene che le sue provette siano state manipolate e riuscire così a dimostrare la propria estraneità. Ora spetterà ai Ris di Parma, confermare le analisi o dimostrare l’estraneità dell’atleta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.