11 gennaio 2017

Tra 65.000 e 75.000 visitatori al castello di Torrechiara nel 2016

Tra 65.000 e 75.000 visitatori al castello di Torrechiara nel 2016

Ottimi risultati anche per la Pilotta. In generale, l’aumento di visitatori si musei in Emilia-Romagna nel 2016 è stato del 7%


L’incremento medio nel 2016 dei visitatori del Polo Museale Emilia-Romagna è stato del 7%. Il dato però – anche a causa della modifica durante l’anno della bigliettazione e delle iniziative, soprattutto quelle che hanno riguardato fino a settembre il Complesso della Pilotta di Parma (ora gestito autonomamente) – rende complesso il confronto con gli anni passati.

La Pinacoteca Nazionale di Bologna – spiega in una nota il direttore del Polo Museale ER, Mario Scalini – ha visto crescere del 30% gli incassi, ora a circa 100.000 euro, ciò a parità di numero di utenti, guadagnandosi dunque un pubblico di adulti paganti che ne hanno premiato la gestione culturale. Oltre il 20% di incremento per i Musei Archeologici Nazionali di Ferrara e Sarsina con Casa Romei, sempre a Ferrara. In crescita i siti di Ravenna, dove Sant’Apollinare in Classe spicca con l’8% di incremento ed i suoi quasi 170.000 visitatori Seguono il Battistero degli Ariani e il Mausoleo di Teodorico, entrambi con oltre 70.000 presenze, mentre il Museo Nazionale, interessato da riallestimenti, scende quasi del 20%.

Tra 65.000 e 75.000 Torrechiara (Parma), Pomposa (Ferrara) e San Leo (Rimini). Forte ovunque – conclude Scalini – l’aumento dei ricavi, in genere allineati con la performance di Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.