5 giugno 2018

I 204 anni dell’Arma, colonnello: “Sono grato e orgoglioso”

I 204 anni dell’Arma, colonnello: “Sono grato e orgoglioso”

Lo scorso anno 125 arresti, 190 denunce a piede libero e 35 kg di sostanze stupefacenti sequestrate.


L’Arma dei carabinieri della Provincia di Parma spegne 204 candeline. La cerimonia di festeggiamento si è svolta nella mattinata di martedì 5 giugno al Parco Ducale. Parole di gratitudine sono state espresse dal colonnello Salvatore Altavilla, che fra i vari traguardi raggiunti dai suoi militari ha voluto far cenno ai 125 arresti, alle 190 denunce a piede libero, e ai 35 kg di sostanze stupefacenti sequestrate nel corso del 2017. Un modo, dunque, per “lodare” la lotta allo spaccio portata avanti sul nostro territorio.Il colonnello ha poi voluto ricordare le attività di contrasto alla prostituzione, alle truffe nei confronti degli anziani e ai reati di genere. In quest’ultimo caso, come spiegato da Altavilla, sono stati realizzato ben 309 interventi in un anno.Per quanto riguarda i reparti speciali, invece, “il Ris ha trattato 4.724 eventi criminali verificatisi in tutto il nord Italia, di cui 116 afferenti a reati di omicidio, 52 a violenze sessuali, 286 a rapine; il Nas ha perseguito 653 reati, sequestrati generi alimentari per oltre 6.700 tonnellate ed elevate 1.446 sanzioni amministrative; il Reparto tutela agroalimentare che, in 7 regioni dell’Italia settentrionale, ha controllato 536 imprese e sequestrato 38 mila tonnellate di generi alimentari per un valore di oltre 2 milioni di euro; il Nucleo ispettorato del lavoro che ha fatto luce, tra l’altro, su 287 casi di lavoro irregolare di cui 118 in nero; il gruppo carabinieri Forestali, il cui ingresso nell’Arma ha completato il ventaglio delle competenze a tutela dell’ambiente e a cui va ascritto il merito di aver operato 3439 controlli nell’ambito della tutela dell’ecosistema, dello smaltimento illecito dei rifiuti e del benessere degli animali”.

Proprio ad alcuni membri del Ris – oltre a molti altri militari e reparti del comando distintisi nelle attività svolte – sono stati consegnati dei riconoscimenti. Si tratta del colonnello Giampietro Lago, del maggiore Nicola Staiti e del capitano Fabiano Gentile, membri del Ris di parma e attivi in relazione all’omicidio di Yara Gambirasio.

“23 mila servizi esterni, 400mila persone identificate, 57mila veicoli controllati, 130mila risposte al numero di emergenza 112 nell’anno 2017 “sono soltanto alcuni dei dati che ritengo possano rendere l’idea della diuturna attività di controllo svolta dai carabinieri della provincia di Parma, impegnati 365 giorni all’anno, nei giorni feriali e in quelli festivi, di giorno e di notte” – ha commentato il colonnello ringraziando l’intero corpo militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *

*Svolgi l'operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.